NEEDS Architecture in developing Contries – Architetture nei Paesi in via di sviluppo

[EN] If you are around Cagliari, Sardinia, I suggest visiting the exhibition NEEDS – Architecture in developing Countries, in the beautiful location of Lazzaretto. The exhibition opened on 26th Jan and goes on until the 31st. For more information see http://www.kalariseventi.com/en/needs-architetture-nei-paesi-in-via-di-sviluppo-lazzaretto-cagliari-26-31-gennaio.

DSC_0001 copy

The initiative has been launched by GGAF- Young Architects Association of Florence. The showcased projects are located mostly in Thailand, Bangladesh, Burkina Faso and Mali. They are characterised by the use of local materials and “simple technologies” such as natural ventilation, thermal mass and brise-soleil. These projects make us think about what the real needs of people living in those difficult situations are and about the fact that a simple but quality architecture can give an answer to those problems.   Some of the featured designers: Anna Heringer, Diébédo Francis Kére, Emilio and Matteo Caravatti, TYIN.

DSC_0016 DSC_0010  DSC_0013 DSC_0012

The exhibition was launched with the conference titled “Listening design. Perceiving changes in environment and society”, introduced by Arch. Stefania di Benedetto. There were numerous talks, such as Roberta Manca’s, president of N.G.O. A.SE.CON (Friends Without Borders), Remmondo’s engineers Daniela di Bartolo and Caterina Zurru, Arch. Maddalena Achenza for National Association City Land Raw, Arch. Julio Ayllon…

DSC_0005 DSC_0029

A.SE.CON showed how through initiatives like training and micro-credit it was possible to find a job to thirty Senegalese women  in Sardinia, who were taught how to colour textiles with traditional Sardinian techniques. This knowledge was then transferred to some Sardinian women. I think this is a worthy project, but it left me with one question: why it wasn’t proposed a project that involved Sardinian and Senegalese women together from the beginning? there is a very high unemployment rate in Sardinia and I have the feeling that sometimes we pretend everything is OK here, thinking the only people in need are foreigners, but unfortunately it’s not like that.  Moreover a project involving locals and foreigners together would foster social integration.

Piga Sardu Birdi, the project presented by Remmondo, is a good example of consumptions optimisation in public administrations and of  diffusion of virtuous behaviours through kids’ education. The project involved kids from a school in Villacidro, Sardinia. They were explained also through workshops why and how to reduce their waste of water, plastic, paper, disposable cutlery… This will save a lot of energy in the school and moreover the kids will transfer this knowledge to their families, enhancing environmentally friendly behaviours in the whole community.

I also found the talk by Arch. Julio Ayllon particularly inspiring; he showed the project by his studio for the re-qualification of an abandoned building complex in the beach of Olbia, east coast Sardinia, which should be transformed in a seaside resort for disabled people.  The architect showed how it is possible to foster users’ self-sufficiency with some design strategies. He said his dream is, if this project is realised, that one day one disabled person would be able to go out by himself  to watch the beautiful moon rising from the sea.

And finally, Arch. Stefania di Benedetto talked about her PHD thesis, about monitoring an adobe house in Sardinia. Monitoring showed an excellent performance in summer but few problems in winter months due to  “thermally weak elements” such as roof and windows. This gap between summer and winter performances, said the architect, could be covered with the use  of  low embodied energy materials, an analysis deepend in CasaKlima Nature protocol, described by the architect also because CasaKlima was one of the event sponsors.

[IT] Se siete dalle parti di Cagliari, vi consiglio di andare a vedere la mostra NEEDS – Architetture nel Paesi in via di sviluppo, nella bellissima location del Lazzaretto. La mostra è stata inaugurata sabato 26 Gennaio e resterà aperta fino al 31. Per informazioni potete consultare http://www.kalariseventi.com/en/needs-architetture-nei-paesi-in-via-di-sviluppo-lazzaretto-cagliari-26-31-gennaio. L’iniziativa è stata lanciata dal GGAF- Gruppo Giovani Architetti Firenze. I progetti presentati si trovano per lo più in Tailandia, Bangladesh, Burkina Faso e Mali e sono caratterizzati dall’utilizzo di materiali locali e “tecnologie povere”, come la ventilazione naturale, lo sfruttamento della massa termica e l’utilizzo di schermature solari. Questi progetti vogliono farci riflettere su quali siano le necessità delle persone che vivono in contesti problematici e su come un’architettura semplice ma di qualità possa dare una risposta efficace a tali bisogni. Alcuni nomi degli progettisti: Anna Heringer, Diébédo Francis Kére, Emilio e Matteo Caravatti, TYIN.

In occasione dell’inaugurazione, si è tenuto il convegno dal titolo “Il progetto dell’ascolto. Percepire cambiamenti di ambiente e società”, presentato dall’Arch. Stefania di Benedetto. Ci sono stati numerosi interventi tra cui quelli di Roberta Manca, presidente della o.n.g A.SE.CON (Amici Senza Confini), gli ingegneri di Remmondo Daniela di Bartolo e Caterina Zurru, l’Arch. Maddalena Achenza per l’Associazione Nazionale Città della Terra Cruda, l’Arch. Julio Ayllon…

In particolare la A.SE.CON ha illustrato come, attraverso iniziative di formazione e microcredito, siano riusciti a trovare lavoro a trenta donne senegalesi in Sardegna, a cui è stato insegnato a tingere i tessuti con tecniche tradizionali sarde. Questa conoscenza è stata poi trasferita ad alcune ragazze sarde. Trovo che questo sia un progetto molto meritevole, ma mi ha lasciato una perplessità: perchè non si è pensato di promuovere un progetto che coinvolgesse dall’inizio ragazze sarde e senegalesi insieme? c’è un tasso elevatissimo di disoccupazione in Sardegna e ho l’impressione a che a volte si tenda a far finta che qui vada tutto bene e a pensare che gli unici ad avere bisogno di aiuto siano gli stranieri, ma purtroppo non è così. Un progetto che coinvolgesse persone del posto e stranieri, inoltre, favorirebbe una migliore integrazione delle due parti.

Il progetto Piga Sardu Birdi di Remmondo è un bell’ esempio di ottimizzazione dei consumi nelle pubbliche amministrazioni e di diffusione di comportamenti virtuosi attraverso l’educazione dei bambini. Il progetto ha visto coinvolti i bambini di una scuola di Villacidro, a cui è stato spiegato, anche attraverso dei laboratori, come e perché ridurre lo spreco di acqua, plastica, carta, posate usa e getta… Questo comporterà un enorme risparmio all’interno della scuola e in più i bambini veicoleranno queste conoscenze in famiglia, favorendo atteggiamenti più responsabili e un risparmio a scala più ampia.

Ho trovato particolarmente interessante anche l’intervento dell’Arch. Julio Ayllon, che ha mostrato il progetto di riqualificazione di un complesso abbandonato ad Olbia, sulla spiaggia, che dovrebbe essere trasformato in un centro balneare per diversamente abili. L’architetto ha evidenziato come, con alcuni accorgimenti, si possa favorire l’autonomia dell’utente. Il suo sogno, ha detto, realizzando questa struttura, è che un giorno un disabile possa uscire da solo sulla spiaggia e guardare la luna che sorge dal mare.

Infine l’Arch. Stefania di Benedetto ha presentato il caso studio della sua tesi di dottorato, sul monitoraggio di una casa in Sardegna, con muri in mattoni di terra cruda. Il monitoraggio ha mostrato un ottimo comportamento nei mesi estivi, ma problematico nei mesi invernali, a causa della presenza di “strutture deboli” da un punto di vista del comportamento termico, quali la copertura e gli infissi. Questo divario, suggerisce l’architetto, potrebbe essere colmato con l’utilizzo di materiali a basso consumo di energia grigia, un’ analisi presente nell’applicazione del Protocollo CasaClima Nature del quale sono state evidenziate le peculiarità, visto anche il Patrocinio dell’Agenzia CasaClima di Bolzano.

A very low-cost refurbishment – Una ristrutturazione a bassissimo costo

When moving back to Sassari,  my home town, I thought I couldn’t go back to live with my parents. I also didn’t want to pay a rent, especially not having a regularly paid job! So I proposed to my parents a possible solution: moving back with them, but keeping our spaces separated, so to have a bit more privacy. They accepted, also because our house fortunately has a layout that makes easy this kind of division. My parents house, in fact, is on two floors and each floor can work independently or almost. I kept one room, the kitchen and one bathroom on the first floor and they kept the attic for themselves and a big room on first floor.  When they built the attic, almost twenty years ago, they basically stopped using the first floor, except for one room that my dad kept as a studio/laboratory for painting. So the first floor was as a matter of fact abandoned, dusty and full of useless things.

2012-09-22 08.53.57   2012-09-22 09.05.38

At first my idea was to tidy up, cleaning and throwing away old stuff. But when I started doing so, I realised the flat would need much more interventions to become liveable and comfortable again. You can’t imagine the quantity and type of things I found when started tidying up those two rooms, especially the kitchen! Old liquor bottles, cans, pots and pans…I kept all those things that could be cleaned and used again and threw away everything else. Reusing and recycling are really a great thing! In this way I didn’t have to spend a single cent on cutlery and pottery…and I have a lot of vintage stuff – originally 70s-, very useful and nice!

As I was saying, tidying wasn’t enough: walls had to be painted and windows were in quite a bad state.

For the walls we used only water-based colours. In the kitchen, I chose orange for the fireplace chimney and then decided to match it with a light purple. It looks like a completely new kitchen now! In the room, I chose lime colour for only one wall, the rest was left white as it was.

DSC_0006

DSC_0008 DSC_0046 DSC_0002

We decided not to replace the windows, first of all because it would have costed around € 2.000 and secondly because they are the original house windows from early 50s. We opted for the substitution of single glazing with double glazing. The work was done by a local artisan and it only costed around € 600. Windows also needed to be sanded and painted…and that was my dad’s job! We then put draught proofing.

We hired an electrician to substitute some plugs, add few more and place a satellite dish to allow me to watch TV. All that work costed around € 250.

We did most of the work by ourselves, little by little and in about one month and a half I was able to move into my “new flat”. The only expenses we had were to pay carpenter, electrician and to buy the paint for the walls and few more material, so with less than € 1.000 I have a fresh looking place to stay. There is more to do, but now that I’m settled I can relax a bit.

Quando sono tornata a Sassari, ho pensato che non sarei potuta tornare a vivere dai miei genitori. Allo stesso tempo, però, non volevo dover pagare un affitto, specialmente non avendo un lavoro con un salario regolare! Così ho proposto ai miei genitori una possibile soluzione: trasferirmi nuovamnete da loro, ma tenendo i nostri spazi separati,così da avere un po’ più di privacy. Hanno accettato, anche perchè fortunatamente casa nostra ben si presta ad una divisione di questo tipo . Infatti, la casa dei miei si sviluppa su due piani ed ogni piano funziona indipendentemente dall’altro…o quasi. Per me ho tenuto una stanza, la cucina e il bagno al primo piano e loro hanno tenuto la mansarda e una grande stanza al primo piano (che verrà liberata in seguito diventando il mio soggiorno).  Quando fecero costruire l’attico, ormai quasi vent’anni fa, praticamente smisero di abitare il primo piano, a parte la stanza che mio padre ha tenuto come suo studio/laboratorio per dipingere. Così il primo piano risultava praticamente abbandonato, polveroso e pieno di cose inutili.

All’inizio la mia idea era di riordinare, pulire e buttare via le cose vecchie. Ma quando ho cominciato, ho capito che l’appartamento avrebbe avuto bisogno di molti più interventi, per diventare di nuovo vivibile e confortevole. Non potete immaginare la quantità e il tipo di cose che ho trovato quando ho iniziato a sistemare quelle due stanze, specialmente in cucina! Vecchie bottiglie di liquori, scatole di latta, recipienti e padelle…Ho tenuto tutto quello che poteva essere pulito e usato di nuovo e ho gettato via il resto. Riuso e riciclo sono davvero una gran cosa! In questa maniera non ho speso niente per comprare posate e stoviglie… e mi sono ritrovata con tante cose vintage – originali degli anni ’70 – molto utili e belle!

Come ho detto prima, riordinare non era abbastanza: i muri dovevano essere ridipinti e le finestre erano abbastanza in cattivo stato.

Per i muri abbiamo usato solamente pitture a base di acqua. In cucina ho scelto un arancione vivace per la cappa del camino e poi ho deciso di abbinarvi un viola chiaro. Sembra una cucina completamente nuova! Nell’altra stanza ho scelto un verde acido solo per un muro, il resto è stato lasciato bianco così com’era.

Abbiamo deciso di non sostituire le finestre, prima di tutto perché sarebbe costato intorno ai 2000 euro e poi perché erano le finestre originarie della casa risalenti ai primi anni ’50.  Abbiamo optato per la sostituzione del vetro singolo con doppi vetri pur mantenendo la finestra originale. Il lavoro è stato fatto da un falegname del posto ed è costato solo intorno alle 600 euro.  Le finestre avevano anche bisogno di essere scartavetrate e ridipinte…e questo è stato un lavoro per mio babbo! A lavoro ultimato abbiamo aggiunto i para-spifferi.

Abbiamo chiamato un elettricista per sostituire alcune prese, aggiungerne delle altre e piazzare la parabola per poter guardare la TV. Il tutto è costato intorno alle 250 euro.

Abbiamo fatto la maggior parte del lavoro da noi, a poco a poco e in circa un mese e mezzo ho potuto trasferirmi nel mio “nuovo” appartamento. Le uniche spese che abbiamo dovuto affrontare sono state per pagare il falegname, l’elettricista e per comprare le vernici per i muri e poco altro materiale, così, con una spesa inferiore ai 1000 euro, ho un posto dall’aspetto rinnovato dove stare. C’è tanto ancora da fare, ma ora che mi sono sistemata posso fare le cose con un po’ più di relax.