Energy certificates, not a good business – Certificati energetici, non un buon affare

[EN] Since last year in Italy it is compulsory to have an energy certificate of you house/flat if you are going to sell or rent it. The purpose should be orientating the market towards more efficient buildings, making them acquire more value. Sadly, this mechanism doesn’t really work and owners or renters don’t understand the meaning of  energy certificates and think that they are just another way to extort them money. The matter is that the majority of the Italian building stock is old and in bad conditions (ad this happens not only in Italy!) with  most of buildings resulting in G or F class (the worst performing ones) and the energy certificates don’t add any value to them just asserting the present conditions. If someone owns an A class house, then he/she will be happy to have it certified but otherwise ( I shouldn’t say that) I can understand the general malcontent.

On the other side here we are,  the certifiers: architects, technicians, engineers…working for almost nothing because, if you want to make energy certificates,  you can’t ask more than 100-120 euros for each certificates to your clients because of the crazy competition. The main problem is there are too many people doing this job and most of the clients think there is virtually not work behind an energy certificate. It’s been proved that there are people who make them in a few hours, without even bothering seeing the building in person but asking via phone the building characteristics. But if you want to do a good job, you need to spend some time to go on site, take measures and pictures, possibly using a thermo-camera and other instruments, then go back to your office and insert all the data in the software and analyse the results. You also have to propose possible  interventions to improve the building energy performances, with an estimate of costs and payback time. Not so simple as it looks and not so quick: at least two-three days of full work for an apartment.

So you may ask me: why do you work on that?! well, first of all because I like it. Most architects think it’s not worth bothering making certificates because it’s  a lot of work for almost no pay and there is also a certain responsibility in that, of course, and I agree. But many also think it’s a kind of “second class” job for an architect or an engineer and I don’t think that’s true, because to do this job you need to know well building envelope, systems and their integration . With a responsible job and a correct approach you can explain to the client the real meaning of such certificates and the importance of having them. The more the certificates become common practice and they are well done, the more people will be “educated” to the knowledge of energy efficient buildings and they will ask for better performing buildings. In this way a “virtuous cycle” will start, being another little step towards the ‘20-20-20’ objectives that EU wants each of its Countries to reach.

[IT] L’anno scorso in Italia è diventato obbligatorio avere un attestato di certificazione per edifici in vendita o in affitto. Lo scopo dovrebbe essere quello di orientare il mercato verso edifici energeticamente più efficienti, facendogli acquisire più valore. Purtroppo questo meccanismo non funziona come dovrebbe e i venditori o i locatori non ne comprendono appieno il significato e pensano che siano solo un altro modo per estorcere loro altro denaro. Il problema è che la maggior parte del patrimonio edilizio italiano è vetusto e in cattive condizioni (e non solo in Italia!) con la maggior parte degli edifici in classe F o G (le peggiori) e i certificati energetici non gli aggiungono nessun valore,per così dire, limitandosi a testimoniare lo stato attuale. Se qualcuno possiede un edificio in classe A, allora sarà contento/a di vederlo riconosciuto, ma altrimenti (non dovrei dirlo) posso capire il malcontento generale.

Dall’altro lato ci siamo noi, i certificatori: architetti, tecnici, ingegneri… che lavoriamo per quasi niente perchè, se vuoi fare il certificatore, non puoi chiedere al cliente più di 100-120 euro a certificato per via della concorrenza mostruosa. Il problema è che ci sono troppe persone che fanno questo lavoro e che la maggior parte dei clienti pensa che non ci sia praticamente nessuno sforzo dietro un certificato energetico. E’ stato appurato che ci sono persone che li redigono in poche ore, magari senza neanche scomodarsi a fare un sopralluogo dell’edificio, ma chiedendone via telefono le caratteristiche al proprietario. Ma, se si vuol fare un buon lavoro, bisogna spendere del tempo sul campo, prendere misure e scattare foto, possibilmente usare una termo-camera e altri strumenti, poi tornare in ufficio e inserire tutti i dati nell’apposito software e analizzare i risultati del calcolo.  Bisogna anche proporre al cliente dei possibili interventi per migliorare le prestazioni energetiche dell’edificio, con relativi stima dei costi e tempi di ritorno dell’investimento. Non così semplice come sembra, quindi, e non così veloce: servono almeno due o tre giorni di lavoro pieni per la certificazione di un appartamento.

E così potreste chiedermi: allora perchè fai questo lavoro?! Beh prima di tutto perchè mi piace. La maggior parte degli architetti pensa che non valga la pena fare questi certificati perchè c’è tanto lavoro da fare per una paga quasi nulla e vi è anche una certa responsabilità da prendersi, naturalmente e su questo sono d’accordo. Ma molti pensano anche che sia una specie di “lavoro di seconda classe” per un architetto o un ingegnere e non credo che questo sia giusto perché per fare questo lavoro bisogna conoscere bene l’involucro edilizio, il sistema degli impianti e la loro integrazione.  Con un lavoro responsabile e un approccio corretto si può spiegare al cliente il vero significato dei certificati energetici e l’importanza di farli: più essi diventano una pratica comune, più le persone saranno “educate” alla conoscenza dell’efficienza energetica e ricercheranno edifici più performanti; in questo modo si instaurerà un “circolo virtuoso” che sarà un ulteriore piccolo passo verso gli “obiettivi 20-20-20” che l’ UE vuole che ognuno dei suoi Paesi membri raggiunga.

Green cleaning, great thing! – Detergenti bio, una gran cosa!

[EN] Hi everybody, I hope you noticed I haven’t posted in two weeks and that you missed me! As tomorrow is Saturday and for most people is “cleaning day” I thought of writing about green cleaning. Hope it will be useful.

About three years ago in UK I bought a very interesting book titled ” Green clean – eco-friendly cleaning for the home” published in 2007 by L&K Designs. I had a look at it, thought it was very interesting and put it away for three years, thinking it was too much hassle  actually trying those “recipes”. Then, a couple of months ago, when I was settle down in what I hope will be my house for a long time, I decided to give green cleaning a go. And it worked! Now I use only home-made cleaning products and I’m satisfied with myself because I feel better knowing I’m not polluting either water or air with a lot of unnecessary chemicals and I’m not exposing myself to harmful substances while cleaning. Moreover, green cleaning is very cheap,  the main ingredients being: baking soda, vinegar, castile soap, salt and hot water.

You can find a lot of green clean recipes on the internet, but here I want to share with you what I’ve tried in person, I think it works and I regularly use for cleaning. It might not suite you, but it’s worth trying! Before starting, remember few simple rules:

-never mix your detergents with industrial cleaning products (do not reuse empty detergents bottles…)

– don’t use ammonia

-always clearly label your bottles/spray bottles, including ingredients

Liquid soap

Dissolve the ends of castile soap bars or other vegetable oil based soap bars into warm water.

Multi-purpose detergent

55ml cup vinegar

900 ml hot water

a dash of liquid castile soap

(I add few drops of eucalyptus essential oil for nice smell and antibacterial properties)

Floors

110 ml white vinegar

4 l hot water

Windows (use a spray bottle)

1 or 3 tea spoon castile soap

3 table spoon white vinegar

2 cups water

Toilet bowl

Liquid castile soap

baking soda

(pour down the bowl and scrub with toilet brush)

Laundry – dark colours

Castile liquid soap

55 ml vinegar

30 gr salt

Laundry – light colours

Castile liquid soap

30-85 g baking soda

1 cup white vinegar.

DO NOT MIX BAKING SODA AND VINEGAR: ADD THEM INTO THE MACHINE SEPARATELY

Stubborn stains – baking soda paste

mix 3 parts baking soda and 1 part water. Apply, let stand then wipe clean.

Many of you will object that it takes longer to prepare your detergents when you need to use them than using a ready one, but once you get used to do so you don’t even notice it. Also because this kind of detergents is easier to wipe clean than the foamy ones. And if you don’t like vinegar smell (not very pleasant indeed), you can always add nice smelling essential oils. Have fun this week-end!

[IT] Ciao a tutti, spero abbiate notato che non ho postato niente in due settimane e di esservi mancata! Siccome domani è sabato e, per molte persone, è giorno di pulizie, ho pensato di scrivere sugli eco detersivi (fatti in casa). Spero vi sia utile.

Circa tre anni fa, in Inghilterra, ho comprato un libro interessante dal titolo “Green clean – eco-friendly cleaning for the home” (non so se sia stato tradotto in italiano ma dubito), pubblicato nel 2007 da L&K Designs. Gli ho dato un’occhiata, ho pensato che fosse motlo interessante…e l’ho messo via per circa tre anni, pensando che fosse troppo impegnativo sperimentare quelle “ricette”. Poi, un paio di mesi fa, quando mi sono finalmente sistemata in quella che, spero, sarà la mia casa per molto tempo, ho deciso di sperimentare i detersivi fatti in casa.  E ha funzionato! Ora utilizzo solo i detersivi fatti da me e sono molto soddisfatta perchè mi sento meglio sapendo di non inquinare inutilmente l’acqua e l’aria con sostanze chimiche e di non espormi a sostanze nocive.  Inoltre questo tipo di pulizia è molto economico, essendo i principali ingredienti bicarbonato di sodio, aceto, sapone di Marsiglia, sale e acqua calda.

Potete trovare moltissime ricette di detersivi bio su internet, ma qui voglio condividere con voi quelle che ho provato di persona e che, secondo me, funzionano e che uso regolarmente. Potrebbe non piacervi, ma vale la pena provare! Prima di cominciare, ricordate queste poche semplici regole:

-non mischiate mai i detersivi fatti da voi con quelli industriali (non riciclate i flaconi terminati…)

– non usate ammoniaca

-mettete sempre delle etichette chiare sulle bottiglie/bottiglie spray, includendo gli ingredienti

Sapone liquido

Sciogliete la fine delle saponette di Marsiglia o altri saponi di oli vegetali in acqua tiepida.

Detergente multi-uso

55ml aceto

900 ml acqua calda

un goccio di marsiglia liquido

(I0 aggiungo anche qualche goccia di olio essenziale di eucalipto perchè dà un buon odore e per le sue proprietà antibatteriche)

Pavimenti

110 ml aceto bianco

4 l acqua calda

Finestre (usate una bottiglietta spray)

1 o 3 cucchiaini di Marsiglia liquido

3 cucchiai aceto bianco

2 tazze acqua

WC

Sapone di Marsiglia liquido

bicarbonato di sodio

(versate dentro la tazza del WC e sfregate con lo spazzolone)

Lavatrice – colori scuri

Sapone di Marsiglia liquido

55 ml aceto

30 gr sale

Lavatrice – colori chiari

Sapone di Marsiglia liquido

30-85 g bicarbonato di sodio

1 cup aceto bianco

NON MISCHIATE IL BICARBONATO CON L’ACETO: AGGIUNGETELI NELLA LAVATRICE SEPARATAMENTE

Macchie ostinate – pasta di bicarbonato

mischiate 3 parti di bicarbonato di sodio con 1 parte di acqua. Applicatela, lasciate riposare e poi rimuovetela.

Molti di voi obietteranno che ci vuole più tempo a preparare i detersivi al momento di usarli piuttosto che usarne di pronti, ma una volta che vi abituerete a farli non ve ne accorgerete neanche. Anche perchè questo tipo di detersivi è più facile da rimuovere di quelli che fanno un sacco di schiuma. E se non vi piace l’odore dell’aceto (posso capirlo), potete sempre aggiungere degli oli essenziali profumati. Buon divertimento questo fine settimana!