Tendenze colore 2018 – Color trends 2018

go to english text

Oggi voglio parlarvi delle tendenze colore per il 2018, forse un po’ in ritardo sull’inizio dell’anno ma credo di essere giusto in tempo per l’inizio della primavera.
Se seguite un po’ i blog sulla casa e le tendenze della moda, avrete sicuramente visto che Pantone ha scelto l’Ultra Violet come colore per il 2018. La MaxMeyer, nota casa produttrice di pitture, ha subito lanciato una linea ispirata a questo colore, nei negozi da febbraio. Francamente però, lo trovo decisamente troppo forte per essere facilmente impiegato in casa, sia in progetti di interior che in quelli di home staging. Può essere però il tocco di colore acceso che ravviva una stanza dai toni neutri o pastello. Qui vi propongo una palette di abbinamenti (l’Ultraviolet è il secondo da sinistra) :

A mio avviso più interessanti, comunque, le tendenze colore 2018 proposte  da Sikkens. Il colore dell’anno si chiama “Heart Wood”, è un grigio-rosa molto caldo che trasmette la sensazione di un “benvenuto a casa”. Viene proposto all’interno di 4 palettes diverse studiate per 4 tipi di personalità e di abitazioni diverse. Davvero d’ispirazione leggere il numero di quest’anno di ColorFutures, dove vengono illustrate queste tendenze colore con foto bellissime di ambientazione! Potete vedere molte foto ambientate anche su http://www.sikkenscolore.it/colour-futures/ (da cui ho tratto le immagini delle palettes)

Le 4 palettes sono:

  • Dai rosa i blu: per la casa “Heart Wood”

  • Dai rossi ai gialli:per la persona calorosa, una casa confortevole

  • Dai grigi ai blu: per la persona sincera e schietta, una casa accogliente

  • Dai gialli ai verdi: per la persona divertente, una casa giocosa

Devo dire che la scelta è difficile perché sono tutti colori bellissimi, ma forse la mia palette preferita è quella dai gialli ai verdi. Fino a qualche hanno fa avrei scelto senza esitazione quella dai rossi ai gialli, ma, si sa, con l’età i gusti cambiano 😉

E la vostra palette preferita qual è?

 

[ENG]

Today I want to talk to you about color trends in 2018, maybe I’m a little late on the beginning of the year but just on time for spring.

If you keep an eye on fashion and design blogs, you know for sure that Pantone chose Ultraviolet as Colour of the Year 2018. MaxMeyer, a famous brand of paints, has immediately launched a paint inspired to this color, in the shops since last February. Frankly, I find this color too strong to be easily used at home, both in interior design projects and home staging. But it can be the vivid touch for enhancing neutral and pastel colors. Below you can find an example palette (Ultraviolet is the second from the left):

Anyway in my opinion color trends 2018 by Sikkens are more interesting. Their color of the year is “Heart Wood”, it’s a pinkish grey, very warm and it communicates a welcoming sensation. It comes in 4 different palettes  studied for 4 different types of personalities. It’s really inspiring this year number of ColorFutures, there you can find these color trends with beautifully set images! You can see the pictures also at http://www.sikkenscolore.it/colour-futures/ ( where I took the palettes images from).

The  4 palettes are:

  • From pinks to blues: for the “Heart Wood” home

  • From reds to yellows: for the CALOROSA person, a comforting home

  • From yellow sto greens: for the CHEERFUL person, a PLAYFUL home

  • From greys to blues: for the sincere person, a welcoming home

I must say the choice is difficult because they all are very beautiful colors, but perhaps my favorite palette is from yellows to greens. Until a few years ago my choice would have been from reds to yellows, for sure…but you know, tastes change with aging 😉

And which one is your favourite?

Un nuovo collegio universitario in Giappone

go to english text

Avendo passato la mia vita da studente vivendo in diversi collegi universitari, tutto ciò che riguarda questo tipo di strutture attira immancabilmante la mia attenzione di architetto. Su un recente articolo di l’Arca International ho trovato la notizia dell’apertura di un nuovo collegio universitario in Giappone, progettato dallo studio SUMO. La struttura ospita 140 studenti di origine internazionale, favorendone l’integrazione attraverso l’utilizzo di spazi comuni.

Quello che mi ha colpito vedendo le foto di questo nuovo collegio universitario, è stata l’estetica non particolarmente “accogliente”, con la facciata caratterizzata dai frangisole in alluminio che la ricoprono completamente. Ho pensato che, per quanto utili come schermature solari, i frangisole continui interrompono la visuale sul paesaggio e danno una sensazione di chiusura verso l’esterno. Guardando meglio però, ho notato che alcune parti vetrate della facciata dietro i frangisole sono  apribili, in corrispondenza di balconi aggettanti che creano dei piccoli punti di ritrovo. I balconi sono distribuiti su vari piani e sfalsati verticalmente, in modo da dare movimento alla facciata che altrimenti apparirebbe come un involucro uniforme e monotono.

Altri punti di ritrovo sono  un bar al piano terra e l’International  Centre che ospita una galleria, un archivio e una sala eventi. L’International Centre è ospitato da un corpo di fabbrica che si proietta verso il paesaggio, perpendicolarmente al resto del fabbricato.

La cosa veramente positiva, pur nella sua semplicità, trovo che sia l’organizzazione delle stanze.  Esse possono essere singole o ospitare fino a 4 studenti. Tutte ospitano i letti, uno spazio per lo studio, armadietti personali e servizi igienici in camera. Mi è capitato di condividere i servizi igienici (unici per piano) con altre 9 persone e vi assicuro che non è piacevole!

E ancor più positivo trovo che sia il fatto che gli studenti possano accedere a questa struttura pagando a partire dagli 80 dollari al mese, facendo di questo collegio un esempio di inclusione anche delle fasce meno abbienti.

[ENG]

A new dormitory in Japan

Having spent my university life living in more than one dormitory, everything that concerns dormitories attracts my attention as an architect. In a recent article on L’Arca International I found the news of the opening of a new dormitory designed by Studio SUMO. It hosts 140 international students , fostering integration through the use of common spaces.

What got my attention at first , looking at the pictures of this new dormitory, was the not really welcoming appearence of the facade wich is covered in aluminium louvres. I thought that louvres are really efficient as solar screens but if they are continous they break the landscape view. Looking closely at the pictures though, I noticed that some parts of the louvres can be opened where the balconies are, creating little meeting points. Balconies are on various floors and vertically offset giving movement to the facade that would look otherwise too monotonous.

Other meeting points are a cafè at the ground floor and the International Centre that hosts a galery, an archive and an event room. The International centre is projecting towards the landscape, perpendicularly to the rest of the building.

I think that the best thing about this project is the organisation of the rooms, simple but efficient. They can be single or host up to 4 students. All  of them have beds, a desk , personal closets and en-suite toilet rooms. I experienced to share the toilet room (one per floor) with other 9 students and I can assure you it isn’t nice!

Even more positive I think is that the rent starts from 80 $ a month, making this dormitory an example of social inclusion.

BACK TO WORK

[IT] Ciao a tutti! dopo un lungo silenzio di riposo e meditazione, vi comunico che siamo di nuovo in azione. Settembre sarà un mese ricco di impegni e novità, su cui vi terremo aggiornati. La pausa di un mese è stata rigenerante e ora si ri-inizia con nuove energie e progetti! Intanto iniziamo con questa bella invenzione vista stamattina:

http://up.sorgenia.it/it/la-barca-riciclabile-che-si-muove-con-energia-pulita

Buon inizio di settimana a tutti!

 

[EN] Hi everybody! after a long silence for rest and meditation, I let you know we are back in action. September will be a busy month full of news I’ll keep you up to date. This one month long pause it’s been regenerating and now we are back with new energies and plans! For now let’s start with this nice invention I found out this morning:

http://up.sorgenia.it/it/la-barca-riciclabile-che-si-muove-con-energia-pulita

(link is in Italian)

Have a nice week!

 

 

Satisfaction!

go to english text
Le vacanze sono finite, già da un po’ a dire il vero, e sto lavorando a nuovi interessanti progetti. É stata un po’ dura ricominciare, a dire il vero, dopo tre settimane di vacanza passate nella mia splendida isola, ma la sfida di nuovi progetti mi dà la carica. Nel frattempo ieri, del tutto inaspettatamente, è arrivato un piccolo riconoscimento alle mie fatiche, che mi ha dato molta soddisfazione: c’è un gruppo su Facebook che si chiama “Mangiare a Sassari e dintorni”, su cui ieri hanno postato il seguente commento (vedi immagine sottostante)

cattura-fb

Forse vi ricorderete il lavoro che ho fatto per Cum Panis, ideando e curando l’installazione dei pannelli di cui si parla. Quindi, che dire…potete immaginarvi la mia contentezza e soddisfazione leggendo questo post ” a sorpresa”!

 

[ENG]

Holidays have ended, a while ago already and I’m working at new interesting projects. Actually it was tough to start again, after three weeks spent in my wonderful island but the challenge of new projects is giving me a boost. Meantime, yesterday, completely unexpectedly I received a little recognition for my fatigues which gave me satisfaction: there’s a Facebook group called  “Mangiare a Sassari e dintorni” (Eating in Sassari and whereabouts), where somebody posted the following (see picture above). The text says:

” this is not a culinary review, but a plaudit for an attention towards the client.

“Cum panis” installed soundproof panels.

At last a place where you can talk with people at your table without  having to shout. Silence not party effect.

Well done!!!

I hope this exaple will be followed by others!”

 

Maybe some of you will remember the work I’ve done for Cum Panis, designing and curating the installation of the panels the post is about. So, what can I say…you can imagine my   contentment and satisfaction when I’ve read this post!

BIZARRE!

go to English text

Eccomi qui di nuovo, molto contenta di presentarvi Bizarre, Artigianato artistico dal Mondo. Bizarre è un nuovo negozio nel centro storico di Alghero, in una traversa di via Roma. Il negozio è adorabile e vende artigianato di qualità, alcuni pezzi sono antichi e di valore, altri vanno bene per tutte le tasche. Vi raccomando di andare a dare un’occhiata, se siete nei paraggi!

Cosa ho fatto io per questo progetto? Ho scelto il nome del negozio, ho disegnato il logo, i bigliettini da visita e gli adesivi per le buste, ho aiutato nella scelta dell’illuminazione (tutte luci a LED, naturalmente) e ho scattato le foto (quelle che vedrete qui e su facebook). Tutto il resto non è assolutamente merito mio.

Spero che potrete godervi una passeggiata ad Alghero, magari durante una delle nostre bellissime notti d’estate, e che vi fermerete da Bizarre…se lo fate, ditemi cosa ne pensate!

 

[ENG].

Here I am again, very happy to introduce you to Bizarre, Artistic handicrafts from the World. Bizarre is a new shop in the historical centre of Alghero, just one street off Via Roma. The shop is lovely and it sells quality handicrafts, some of them quite old and precious, some for everyone’s pockets. I really recommend you to go and have a look, if you are nearby!

What did I do for this project? I choosed the name, designed logo, business cards and stickers, I helped choosing the lighting (all LED of course) and took pictures (the one you’ll see here and on facebook). Everything else is absolutely not my credit.

I hope you will enjoy taking a walk in Alghero, maybe during one of the beautiful Sardinian summer nights and will stop by Bizarre…if you do it, please let me know how you enjoy it!

PROJECT COMPLETED!

[ENG] As promised, I’m writing a post about my latest project, which is also my first project in which I designed and managed the building site on my own. Therefore, I admitt there are things I would have done different, but I’m overall satisfied about this work. It’a a vet ambulatory in Ittiri, a small town near Sassari, Sardinia. Here in this blog post you can see pictures of the opening party, in the WORKS tab you can see a slideshow of professional pictures taken by Rossella Fadda Photographer (these will also be in my Pinterest account very soon) and you will be able to read a full description of the project in my Archilovers profile. So what do you think about this project?

[IT] Come promesso, scrivo un post sul mio ultimo progetto, che è anche il primo in cui mi sono occupata della progettazione e della direzione dei lavori interamente da sola. Perciò, seppure ci siano delle cose che avrei fatto diversamente, nel complesso devo ammettere di essere soddisfatta del lavoro. Si tratta di un ambulatorio veterinario a Ittiri, un piccolo comune in provincia di Sassari, in Sardegna.. In questo post trovate alcune fotografie dell’inaugurazione, nella pagina WORKS potete vedere le fotografie professionali scattate dalla fotografa Rossella Fadda (queste saranno presto anche sul mio Pinterest account) e a breve potrete leggere una descrizione completa del progetto sul mioprofilo Archilovers. Quindi…cosa ne pensate di questo progetto?

 

DSC_0042

DSC_0035

DSC_0079

DSC_0028

DSC_0029

meravigliosa torta della mia amica Tiziana (facebook: Candyti)

DSC_0081

DSC_0060

 

Stay tuned!

[ENG] Hello my dear, long time without writing! I know, my fault… but I’ve been very busy with this building site you see in the featured image. The work it’s almost done, so keep an eye on this blog to know what it’s all about and see the final pictures!

 

[IT] Salve cari, quanto tempo senza scrivere! Lo so, è colpa mia… ma sono stata molto impegnata con questo cantiere di cui vedete “un pezzetto” nell’immagine di copertina. Il lavoro è quasi finito, quindi tenete d’occhio questo blog per sapere di cosa si tratta e per vedere le foto finali!

Colour schemes

[ENG] This morning I was catching up with unread emails and checking internet after two internet-free days and I’ve come across this interesting link by CreativeBloq which is always a great source to keep an eye on: free ebook on color theory .
I’ve always been interested in colour theory so I downloaded the nth ebook on this subject even if this time it was more focused on web design (so, not of particular interest for my job, but an interesting reading anyway) . At the end of the ebook there is a list of useful tools for choosing colour schemes. Who is into web design probably knows them well, but for a poor web-illiterate architect these are a blissful discovery! In fact I’ve been playing with colours most of this morning! I hope you will enjoy it as much as I did!

 

[IT] Stamattina mi stavo rimettendo al passo con le email non lette e stavo controllando internet dopo due giorni di “disintossicazione” dal web, quando sono inciampata in questo interessante link di CreativeBloq, che è sempre una fonte su cui tenere gli occhi puntati: free ebook on color theory .

Mi ha sempre interessato la teoria del colore, così ho scaricato l’ennesimo ebook su questo argomento, anche se questo è più incentrato sul web design (quindi non di particolare interesse per il mio lavoro, ma comunque una lettura costruttiva). Alla fine del libro c’è un elenco di tools per la scelta degli schemi di colori. Probabilmente chi lavora nel web design li conosce bene, ma, per un povero architetto digiuno della materia, è stata una piacevolissima scoperta!…Infatti è tutta la mattina che “gioco coi colori”! Spero che apprezzerete quanto me!

Tiny house in “ladiri”

[ENG]Today and for the rest of the weekend we are in Nurachi (Oristano, Sardinia) to build a tiny house (3×2 m) with raw earth bricks and the roof made of canes. Here few pictures of the first working day. Keep reading the blog to see more pictures in the next few days!

[IT] Oggi e per il resto del weekend siamo a Nurachi (OR, Sardegna) per costruire una piccola casa in mattoni di terra cruda e tetto in canne. A seguire un paio di foto del primo giorno di lavoro. Continuate a seguire il blog per vedere altre foto nei prossimi giorni!

image

image

image