Interesting reading!

image

[Eng] Probably there’s no need to introduce you to Boundaries, an international architectural magazine, free of advertising, that deals with sustainable and humanitarian architecture…absolutly worth reading! I’ve just got the last issue and I can’t wait to ready  it! (www.boundaries.it)

[It] Probabilmente non c’è bisogno di presentarvi Boundaries, una rivista di architettura, senza pubblicità, che tratta di architettura sostenibile e umanitaria…assolutamente da leggere! Ho appena ricevuto via posta l’ultimo numero e non vedo l’ora di leggerlo! (www.boundaries.it)

Milan Design week: my favourite picks

[ENG] Hi everybody! Last weekend I was in Milan for Salone del Mobile and Fuorisalone, the big events of Milan Design Week. The city around this time is CRAZY and there are soooo many things to see it’s impossible for someone to see everything! So I’m quite happy with myself ’cause I managed to visit Brera, Rho Fiera and Lambrate Ventura in less than two days! Brera and Lambrate Ventura are two neighbourhoods that host Fuorisalone, with lots of venues, while Rho Fiera is where the main exposition is. Enjoy the pics of what attracted my attention most.

PS: I personally took these pictures, very quickly and trying to avoid other people , so… apologies for the bad pics!

[IT] Ciao a tutti! Lo scorso weekend sono stata a Milano per il Salone del Mobile e Fuorisalone, i due grandi eventi milanesi della Settimana del Design. La città in questo periodo è pazzesca e ci sono così tante cose da vedere che è impossibile per una persona vederle tutte! Quindi sono già  soddisfatta di me stessa per essere riuscita a vedere, in meno di due giorni, Brera, Rho Fiera e Lambrate Ventura. Come saprete, Brera e Lambrate Ventura sono due dei quartieri che ospitano il Fuorisalone, con tantissimi eventi, mentre Rho è dove si svolge l’evento principale. Vi pubblico un po’ di foto delle cose che mi hanno colpito di più, spero vi piacciano.

PS: ho scattato personalmente queste foto, molto velocemente e cercando di evitare le altre persone, perciò…scusate in anticipo per le pessime immagini!

2014 in review

The WordPress.com stats helper monkeys prepared a 2014 annual report for this blog. I only published 2 posts in 2014 and I’m sorry for that but it was a difficult year. Even so I had quite a lot visitors compared to what I was expecting and I want to thank my readers for this! Thank you!! I’ll definitely publish more in 2015! You can also visit my Facebook page which I keep quite up-to-date! Thanks again, readers and followers!

Here’s an excerpt of the stats report:

A San Francisco cable car holds 60 people. This blog was viewed about 940 times in 2014. If it were a cable car, it would take about 16 trips to carry that many people.

Click here to see the complete report.

Future by Design

[ENG] Christmas is just around the corner and after it you will start planning your good resolutions for next year. Well, speaking about future, I ‘ve been recently sent this link from a friend, asking what were my thoughts as an architect about that. The link shows an interview, here translated in Italian in a

hort version, to Jacques Fresco speaking of his “visions” of the future. I think it’s worth seeing it, here in the original language, extended version. I made a very quick search on the internet and I found there is a dedicated website to what is called the Venus Project.

I’d like to report here some of my comments I told my friend, thanking her for inspiring this post. But first of all, for whom is too lazy or busy to watch the video, Fresco speaks about at-first-view-futuristic dwellings , cities, new ways transports should be built and organised, about the necessity to abandon our monetary systems and so on. Let’s say it could be seen as a utopian society.

My first observation is that Fresco was speaking about all these things back in 1974… 40 years ago! He was quite ahead of his times! Although there are common points with some utopian past visions, I think the significant difference is that his ideas are  organised in a system that makes it seem possible for them to work! In this theorised system everything is connected and  strictly organised. This said, I must observe that some ideas relative to architecture have already been built even if probably with different aims and anyway not as part of a holistic system. Some of the scale models of buildings shown in the video remind me of Calatrava’s buildings or Buckminster Fuller’s geodesic domes. It is now known that  the more the building’s shape is compact, less energy dispersion there is therefore the more “efficient” shape is the sphere and we should try to build keeping this principle in mind (compact= efficient). As regards the taller buildings, well, here the debate would be very long, but anyway the main argument in favor of skyscrapers is that a building that grows in height consumes less land and should be more sustainable, leaving land for parks, green in general and services for the people.

As for the “centralised” services in the actual centre of cities it makes absolutely sense to me! I’ve studied sustainable urban development at university and it is nowadays clear that centralised services are more efficient than different services disconnected from the others that are in different parts of the city. Centralised services in the middle of the city are equally close to anything they need to reach, therefore more efficient!

And what about Fresco’s ideas about transports? For example the idea to move  people out of trains instead of completely stopping it is simple in concept but so clever at the same time!

And finally I think we do have all the technologies to actually make these things a reality, but we haven’t yet! Why?

According to Fresco, it’s because we aren’t civilised enough yet, we need to stop wars and hunger before getting to this new “evolutionary stage”. We’d also need to leave behind us the “obsolete monetary system” and base the economy on the correct use of resources that we already have got. I also think there is no a real willpower from governments to step into a different kind of society and that “normal” people don’t have the right mentality and sensitivity to do it. Think of all people that starve to death everyday, to those who haven’t a shelter, to civilians who die in war, to the bad use we do of technology in our everyday life, to all the resources that we turn into waste… At the state of things, I’m a bit pessimistic that we can improve our behaviour towards other human beings and towards the environment as rapidly as we should, but at the same time we can’t give up hope. And these are my best Christmas wishes: that we could all become more aware of our limits and make an effort to contribute to a better society.

* * * * * * * * * * * *

[IT] Natale è arrivato e subito dopo si comincia a fare la lista dei buoni propositi per l’anno nuovo. Bene, parlando di futuro, mi è stato recentemente mandato questo link da un’amica, chiedendomi quali fossero le mie opinioni in proposito, in quanto architetto. Il link mostra un’intervista, in Italiano e in versione abbreviata, a Jacques Fresco riguardo le sue “visioni” per il futuro. Penso valga la pena vederlo, qui lo trovate nella versione originale. Facendo una velocissima ricerca su internet, ho scoperto che c’è anche un sito web dedicato che si chiama The Venus Project.

Vorrei condividere qui alcuni commenti fatti con la mia amica, che ringrazio per avermi dato l’ispirazione per questo post. Ma prima di tutto, per chi fosse troppo pigro o troppo occupato per vedere il video, Fresco parla di edifici e città che a prima vista sembrano futuristici, nuovi modi in cui i trasporti pubblici dovrebbero essere costruiti e organizzati, della necessità di abbandonare il nostro sistema monetario e così via. In poche parola di una società che potremmo definire utopistica.

La mia prima osservazione è stata che Fresco parlava di queste cose nel 1974…40 anni fa! Con un eufemismo possiamo certamente dire che era avanti per quei tempi! Sebbene si possano riscontrare dei punti in comune con alcune visioni utopistiche di  molto precedenti a lui, penso che la differenza significativa stia nel fatto che le sue idee sono organizzate in un sistema organico che le rende plausibili! Nel sistema che lui teorizza tutto è interconnesso e perfettamente organizzato. Detto questo, devo dire che alcune delle idee relative all’architettura sono già state messe in pratica, anche se probabilmente con scopi diversi e, soprattutto, non come parte di un sistema olistico. Alcuni dei modelli in scala mostrati nel video, mi ricordano alcuni edifici di Calatrava o le cupole geodetiche di Buckminster Fuller. E’ noto oramai che, più la forma dell’edificio è compatta, minore è la dispersione di energia, perciò la forma più “efficiente” è la sfera e bisognerebbe costruire tenendo questo concetto a mente (compatto=efficiente). Per quanto riguarda gli edifici più alti, beh, qui il dibattito sarebbe molto lungo, ma diciamo che l’argomento più comune a favore dei grattacieli è che gli edifici costruiti in altezza consumano meno suolo e dovrebbero anche essere più sostenibili, lasciando terra libera per parchi, verde in generale e servizi per le persone.

Per quanto riguarda i servizi “centralizzati” e posti fisicamente nel centro delle città, mi sembra che abbia assolutamente senso! Ho studiato sviluppo urbano sostenibile all’università ed è ormai chiaro che i servizi centralizzati sono più efficienti rispetto a quelli non connessi tra di loro, magari posti in diverse parti della città. Servizi centralizzati fisicamente nel mezzo della città sono equamente distanti da tutto quello che devono servire e perciò sono più efficienti!

E che dire delle idee di Fresco riguardo ai trasporti? Per esempio dell’idea di “spostare” le persone fuori dai treni invece che fermare completamente i mezzi è un concetto tutto sommato semplice ma geniale allo stesso tempo!

Infine penso che ci siano già le technologie per rendere queste idee una realtà, ma non l’abbiamo ancora fatto! Perchè?

Secondo Fresco è perchè l’Uomo non è ancora abbastanza civilizzato, dovremmo fermare le guerre e la fame nel mondo prima di arrivare a questo nuovo “stadio evolutivo”. Dovremmo anche lasciarci alle spalle il nostro “obsoleto sistema monetario” e basare l’economia sull’uso efficiente delle risorse che già possediamo. Io penso anche che non ci sia il volere concreto da parte dei governi di fare il passo verso una società diversa e che le persone comuni non abbiano la giusta mentalità e sensibilità per farlo. Pensate a tutte le persone che muoiono di fame ogni giorno, a coloro che non hanno un riparo sopra la testa, ai civili che muoiono nelle guerre, al cattivo uso che facciamo della tecnologia nella nostra vita di tutti i giorni, a tutte le risorse che trasformiamo in rifiuti… Allo stato attuale, sono un po’ pessimista che possiamo migliorare il nostro comportamento verso gli altri essere umani e verso l’ambiente così rapidamente quanto dovremmo, ma, allo stesso tempo, non possiamo rinunciare alla speranza. E questo è il mio migliore augurio di Natale: che possiamo tutti diventare più consapevoli delle nostre limitazioni e fare uno sforzo per contribuire ad una società migliore.

 

 

 

 

 

Christmas tree? – Albero di Natale?

[ENG] As I promised few days ago, I’m posting pictures ot the Christmas tree I helped decorating as part of the DomECO team for an installation commisioned by Abetone Music Bar in Sassari. The tree is all made of recycled materials: the structure is made of fruit boxes and decorations are made of paper, cardboard from toilet paper rolls, empty glass jars filled with dried fruit and nuts peelings, leaves, empy light bulbs… See it for yourself in the following pictures, I think it’s beautiful!

Have a Merry and SUSTAINABLE Christmas!

[IT] Come promesso qualche giorno fa, ora posterò le foto dell’albero di Natale che ho aiutato a decorare, come parte del team di DomECO per un’installazione commissionata dall’Abetone Music Bar a Sassari. L’albero è completamente fatto di materiali di riciclo: la struttura è fatta da cassette della frutta e le decorazioni sono fatte di carta, cartoncino dei rotoli di carta igienica, barattoli di vetro riempiti con bucce di frutta e noccioline, foglie, lampadine svuotate… Guardate voi stessi nelle seguenti fotografie, io penso che sia bellissimo!

Tanti auguri per un Natale felice e SOSTENIBILE!

ALBEROFOTO 7FOTO 8FOTO 10 FOTO 12 FOTO 13 FOTO 14 FOTO 15 PROFILO
FOTO 1 FOTO 3 FOTO 5

NEEDS Architecture in developing Contries – Architetture nei Paesi in via di sviluppo

[EN] If you are around Cagliari, Sardinia, I suggest visiting the exhibition NEEDS – Architecture in developing Countries, in the beautiful location of Lazzaretto. The exhibition opened on 26th Jan and goes on until the 31st. For more information see http://www.kalariseventi.com/en/needs-architetture-nei-paesi-in-via-di-sviluppo-lazzaretto-cagliari-26-31-gennaio.

DSC_0001 copy

The initiative has been launched by GGAF- Young Architects Association of Florence. The showcased projects are located mostly in Thailand, Bangladesh, Burkina Faso and Mali. They are characterised by the use of local materials and “simple technologies” such as natural ventilation, thermal mass and brise-soleil. These projects make us think about what the real needs of people living in those difficult situations are and about the fact that a simple but quality architecture can give an answer to those problems.   Some of the featured designers: Anna Heringer, Diébédo Francis Kére, Emilio and Matteo Caravatti, TYIN.

DSC_0016 DSC_0010  DSC_0013 DSC_0012

The exhibition was launched with the conference titled “Listening design. Perceiving changes in environment and society”, introduced by Arch. Stefania di Benedetto. There were numerous talks, such as Roberta Manca’s, president of N.G.O. A.SE.CON (Friends Without Borders), Remmondo’s engineers Daniela di Bartolo and Caterina Zurru, Arch. Maddalena Achenza for National Association City Land Raw, Arch. Julio Ayllon…

DSC_0005 DSC_0029

A.SE.CON showed how through initiatives like training and micro-credit it was possible to find a job to thirty Senegalese women  in Sardinia, who were taught how to colour textiles with traditional Sardinian techniques. This knowledge was then transferred to some Sardinian women. I think this is a worthy project, but it left me with one question: why it wasn’t proposed a project that involved Sardinian and Senegalese women together from the beginning? there is a very high unemployment rate in Sardinia and I have the feeling that sometimes we pretend everything is OK here, thinking the only people in need are foreigners, but unfortunately it’s not like that.  Moreover a project involving locals and foreigners together would foster social integration.

Piga Sardu Birdi, the project presented by Remmondo, is a good example of consumptions optimisation in public administrations and of  diffusion of virtuous behaviours through kids’ education. The project involved kids from a school in Villacidro, Sardinia. They were explained also through workshops why and how to reduce their waste of water, plastic, paper, disposable cutlery… This will save a lot of energy in the school and moreover the kids will transfer this knowledge to their families, enhancing environmentally friendly behaviours in the whole community.

I also found the talk by Arch. Julio Ayllon particularly inspiring; he showed the project by his studio for the re-qualification of an abandoned building complex in the beach of Olbia, east coast Sardinia, which should be transformed in a seaside resort for disabled people.  The architect showed how it is possible to foster users’ self-sufficiency with some design strategies. He said his dream is, if this project is realised, that one day one disabled person would be able to go out by himself  to watch the beautiful moon rising from the sea.

And finally, Arch. Stefania di Benedetto talked about her PHD thesis, about monitoring an adobe house in Sardinia. Monitoring showed an excellent performance in summer but few problems in winter months due to  “thermally weak elements” such as roof and windows. This gap between summer and winter performances, said the architect, could be covered with the use  of  low embodied energy materials, an analysis deepend in CasaKlima Nature protocol, described by the architect also because CasaKlima was one of the event sponsors.

[IT] Se siete dalle parti di Cagliari, vi consiglio di andare a vedere la mostra NEEDS – Architetture nel Paesi in via di sviluppo, nella bellissima location del Lazzaretto. La mostra è stata inaugurata sabato 26 Gennaio e resterà aperta fino al 31. Per informazioni potete consultare http://www.kalariseventi.com/en/needs-architetture-nei-paesi-in-via-di-sviluppo-lazzaretto-cagliari-26-31-gennaio. L’iniziativa è stata lanciata dal GGAF- Gruppo Giovani Architetti Firenze. I progetti presentati si trovano per lo più in Tailandia, Bangladesh, Burkina Faso e Mali e sono caratterizzati dall’utilizzo di materiali locali e “tecnologie povere”, come la ventilazione naturale, lo sfruttamento della massa termica e l’utilizzo di schermature solari. Questi progetti vogliono farci riflettere su quali siano le necessità delle persone che vivono in contesti problematici e su come un’architettura semplice ma di qualità possa dare una risposta efficace a tali bisogni. Alcuni nomi degli progettisti: Anna Heringer, Diébédo Francis Kére, Emilio e Matteo Caravatti, TYIN.

In occasione dell’inaugurazione, si è tenuto il convegno dal titolo “Il progetto dell’ascolto. Percepire cambiamenti di ambiente e società”, presentato dall’Arch. Stefania di Benedetto. Ci sono stati numerosi interventi tra cui quelli di Roberta Manca, presidente della o.n.g A.SE.CON (Amici Senza Confini), gli ingegneri di Remmondo Daniela di Bartolo e Caterina Zurru, l’Arch. Maddalena Achenza per l’Associazione Nazionale Città della Terra Cruda, l’Arch. Julio Ayllon…

In particolare la A.SE.CON ha illustrato come, attraverso iniziative di formazione e microcredito, siano riusciti a trovare lavoro a trenta donne senegalesi in Sardegna, a cui è stato insegnato a tingere i tessuti con tecniche tradizionali sarde. Questa conoscenza è stata poi trasferita ad alcune ragazze sarde. Trovo che questo sia un progetto molto meritevole, ma mi ha lasciato una perplessità: perchè non si è pensato di promuovere un progetto che coinvolgesse dall’inizio ragazze sarde e senegalesi insieme? c’è un tasso elevatissimo di disoccupazione in Sardegna e ho l’impressione a che a volte si tenda a far finta che qui vada tutto bene e a pensare che gli unici ad avere bisogno di aiuto siano gli stranieri, ma purtroppo non è così. Un progetto che coinvolgesse persone del posto e stranieri, inoltre, favorirebbe una migliore integrazione delle due parti.

Il progetto Piga Sardu Birdi di Remmondo è un bell’ esempio di ottimizzazione dei consumi nelle pubbliche amministrazioni e di diffusione di comportamenti virtuosi attraverso l’educazione dei bambini. Il progetto ha visto coinvolti i bambini di una scuola di Villacidro, a cui è stato spiegato, anche attraverso dei laboratori, come e perché ridurre lo spreco di acqua, plastica, carta, posate usa e getta… Questo comporterà un enorme risparmio all’interno della scuola e in più i bambini veicoleranno queste conoscenze in famiglia, favorendo atteggiamenti più responsabili e un risparmio a scala più ampia.

Ho trovato particolarmente interessante anche l’intervento dell’Arch. Julio Ayllon, che ha mostrato il progetto di riqualificazione di un complesso abbandonato ad Olbia, sulla spiaggia, che dovrebbe essere trasformato in un centro balneare per diversamente abili. L’architetto ha evidenziato come, con alcuni accorgimenti, si possa favorire l’autonomia dell’utente. Il suo sogno, ha detto, realizzando questa struttura, è che un giorno un disabile possa uscire da solo sulla spiaggia e guardare la luna che sorge dal mare.

Infine l’Arch. Stefania di Benedetto ha presentato il caso studio della sua tesi di dottorato, sul monitoraggio di una casa in Sardegna, con muri in mattoni di terra cruda. Il monitoraggio ha mostrato un ottimo comportamento nei mesi estivi, ma problematico nei mesi invernali, a causa della presenza di “strutture deboli” da un punto di vista del comportamento termico, quali la copertura e gli infissi. Questo divario, suggerisce l’architetto, potrebbe essere colmato con l’utilizzo di materiali a basso consumo di energia grigia, un’ analisi presente nell’applicazione del Protocollo CasaClima Nature del quale sono state evidenziate le peculiarità, visto anche il Patrocinio dell’Agenzia CasaClima di Bolzano.