My first vernissage!

Tra pochi giorni inaugurerà la prima mostra di pittura che abbia mai organizzato! Ok,  non si tratta del Moma di New York, però è comunque emozionante e ci sono tantissime cose da fare! La location è molto particolare, si tratta di Bizarre, il negozio per il quale questa primavera ho disegnato il logo e i bigliettini da visita. Quando la proprietaria del negozio, Polly B., mi ha chiesto di darle una mano per rilanciare il negozio nella stagione meno affollata dell’anno, ho subito pensato che un connubio artigianato-pittura sarebbe stato perfetto. Così abbiamo iniziato ad organizzare una mostra dei quadri di mio padre (ne vedete un esempio nell’immagine del post), che non meritavano di restare chiusi in casa! Il risultato sarà un’esposizione abbastanza informale all’interno del negozio, perciò potrete ammirare i dipinti e le merci esposte e, perché no, approfittarne per fare qualche originalissimo regalo natalizio. L’inaugurazione è prevista per questo giovedì, 1 Dicembre, ma i quadri rimarranno esposti fino al 7 gennaio. Potete trovare tutti i dettagli dell’evento su facebook. Vi aspettiamo!

 

In a few days it will inaugurate the first  exhibit I’ve ever organised! Right, it’s not New York’s Moma but it’s exciting anyway and there’s a lot to do! The location is unusual, it’s Bizarre, the store I designed the logo for last spring.  When the shop owner, Polly B., asked me to help her boosting the business in the less crowed season of the year, I immediately thought that handicrafts and paintings would be a perfect match!  So we started to organise an exhibit with my father’s paintings (you can see an example in the featured image) which didn’t deserve to be left at home, where nobody could see them but us! The result will be a quite informal exhibit inside the shop, so you could admire paintings and handicrafts and, why not, take advantage to buy some original Christmas presents.  Inauguration is scheduled on 1st December (this Thursday) but you will be able to admire the paintings until the 7th January. You can find all information on the event on facebook. Come and visit us!

 

BIZARRE!

go to English text

Eccomi qui di nuovo, molto contenta di presentarvi Bizarre, Artigianato artistico dal Mondo. Bizarre è un nuovo negozio nel centro storico di Alghero, in una traversa di via Roma. Il negozio è adorabile e vende artigianato di qualità, alcuni pezzi sono antichi e di valore, altri vanno bene per tutte le tasche. Vi raccomando di andare a dare un’occhiata, se siete nei paraggi!

Cosa ho fatto io per questo progetto? Ho scelto il nome del negozio, ho disegnato il logo, i bigliettini da visita e gli adesivi per le buste, ho aiutato nella scelta dell’illuminazione (tutte luci a LED, naturalmente) e ho scattato le foto (quelle che vedrete qui e su facebook). Tutto il resto non è assolutamente merito mio.

Spero che potrete godervi una passeggiata ad Alghero, magari durante una delle nostre bellissime notti d’estate, e che vi fermerete da Bizarre…se lo fate, ditemi cosa ne pensate!

 

[ENG].

Here I am again, very happy to introduce you to Bizarre, Artistic handicrafts from the World. Bizarre is a new shop in the historical centre of Alghero, just one street off Via Roma. The shop is lovely and it sells quality handicrafts, some of them quite old and precious, some for everyone’s pockets. I really recommend you to go and have a look, if you are nearby!

What did I do for this project? I choosed the name, designed logo, business cards and stickers, I helped choosing the lighting (all LED of course) and took pictures (the one you’ll see here and on facebook). Everything else is absolutely not my credit.

I hope you will enjoy taking a walk in Alghero, maybe during one of the beautiful Sardinian summer nights and will stop by Bizarre…if you do it, please let me know how you enjoy it!

Swimming pool structural testing – Collaudo statico di una piscina

[EN] Last week we tested the hotel’s swimming pool in Alghero. Some guys from the engineering faculty of University of Cagliari came to place the instruments and take measurements. Basically the structural testing of a swimming pool consists of measuring how many millimetres decimal the ceiling structures “moves” when the swimming pool is filled with water and in seeing if it goes back to the previous state when the swimming pool is emptied. This kind of transformation is called elastic deformation. Instead, if the structure doesn’t come back to the original undeformed shape…well then it’s a big problem!
So the guys from university placed their sensors on the ceilings of the floor underneath the swimming pool and started to fill the swimming pool with water.

SDC12014 SDC12015 SDC12042 SDC12017

It was a long process because they had to pump the water from a tank truck parked in the road;

SDC12020

when the water reached the 30 cm depth the filling was stopped for a while to give the structure time for stabilise and the guys the possibility to register the first measurements. Then they started to fill the swimming pool again and it was left like that till the next morning, when the swimming pool was emptied again and the sensors were taken out. “Luckly” the structure lowered in the limits of the elastic deformation so the test was positive. The swimming pool has not been used yet for little works that still need to be done on that floor.
The hotel opened last Friday hosting few clients but the works haven’t finished yet. We are trying to speed up and close the building site.

[IT] La settimana scorsa c’è stato il collaudo statico della piscina dell’hotel ad Alghero. Un gruppo di persone è venuto dalla facoltà di ingegneria dell’Università di Cagliari per piazzare gli strumenti e fare le dovute misurazioni.  In pratica il collaudo statico consiste nel misurare di quanti decimi di millimetro si abbassa la struttura sottostante la piscina quando quest’ultima viene riempita d’acqua e nel vedere se la struttura torna alla condizione di partenza quando la piscina viene svuotata.  Questo tipo di trasformazione è chiamata deformazione elastica. Invece, se la struttura non ritorna allo stato indeformato originale…beh allora è un grosso problema!
Quindi il gruppo di studiosi ha piazzato i sensori a contatto con i soffitti del piano sottostante la piscina e hanno iniziato a far riempire la piscina. E’ stato un processo abbastanza lungo perchè hanno dovuto pompare l’acqua da un’autocisterna posteggiata in strada; quando l’acqua ha raggiunto i 30 cm di profondità, il riempimento è stato interrotto per dare il tempo alla struttura sottostante di stabilizzarsi e per registrare le prime deformazioni. Dopo si è continuato a riempire la piscina, che è stata lasciata così fino al mattino seguente, quando è stata nuovamente svuotata e i sensori sono stati ritirati. Fortunatamente la struttura si è deformata entro i limiti di una deformazione elastica così il collaudo è stato positivo. La piscina non è ancora stata inaugurata per via di alcuni lavori  da terminare al piano.
L’hotel ha aperto lo scorso venerdì per pochi clienti ma i nostri lavori non sono ancora finiti. Stiamo cercando di accelerare per chiudere definitivamente il cantiere. 

On building site, 1st month – In cantiere, 1° mese

[ EN] It’s been just over a month that I started my internship in a construction company: even if I’ve been working as an architect for about 6 years now, unfortunately I’ve had few occasions to see the realization of the projects I worked on. So I think this is a good opportunity for me to see… how things really work “out there”. I must say the first days haven’t been easy: I’m the only woman on site, one of the youngest persons and I didn’t know how to move without slowing the works. But little by little I’m learning how to behave on site, builders are quite nice to me and respectful so I’m getting used to this kind of job and I’m actually enjoying it a lot.

The construction company is called Progest Architetture and it is led by Arch. Fabrizio  Lo Forte and Arch. Giancarlo Fresu. At the moment we are following three building sites: an hotel in Alghero, partially renewed partially new built, a little extension in Alghero and the restoration of a façade in Sassari. I alternate visits to the three sites and I must say that, even if they are three very different types of works, they are all interesting.

SDC11590  2013-05-20 (2)  16_04_2013 (9)

Let’s start from the bigger site: the hotel. It is in one of Alghero main roads, right in front of the sea (the view from the top is breathtaking), it’s a four storey building with about 60 guest rooms, meeting room, breakfast room and swimming pool on the rooftop. I think the architect used some energy saving  features, like low-energy lighting all over the place, thick walls with 6 cm insulation, double glazing, windows are shaded by the balconies on the upper floors, solar panels, a central air conditioning system with fan-coils and, above all, a kind of BIM system which controls windows opening, lighting and air conditioning. This system will save a lot of energy because it will avoid most of the wastes that are common in hotels, such as having the cooling on in an empty room (about this, see also my post about another hotel, Case Study: an hotel in Sardinia).

SDC11501

Unfortunately for me when I started my internship the works were in a quite advanced stage already, so I could only see little bits and pieces of work. I’ll describe what have been the most interesting parts for me, trying not to bother you with too much words and using a lot of pictures.

Swimming pool on rooftop

The swimming pool is deep 1,1 m (if it was deeper it would have been necessary the presence of a lifeguard). It’s been insulated with panels above a layer of primer (insulation wasn’t really necessary but it was used to reduce the swimming pool depth)

Primer and insulation

Over the insulation a few centimetres thick layer of screed has been posed and it’s all been refined with another layer which is also waterproof.

Screed

DSCF0041

water proofing of swimming pool border

The swimming pool will be probably tested at the beginning of next week. For the moment, unfortunately, there is still a problem of water leaking in the void underneath it because, we found out yesterday, the water proof membrane on the border of the swimming pool broke  and water was leaking from underneath the marble threshold. It was necessary to remove part of the thresholds to find  the problem but now it’s fine and it will be solved soon.

SDC11796

SDC11797

Terrace waterproofing

The big terrace on the third floor, outside the breakfast room, was given a first treatment with primer and then waterproofed. Waterproofing this terrace was quite difficult because of the presence of a lot of ducts that were placed before waterproofing. The site manager’s initial idea was to pose a first waterproof membrane layer underneath the ducts and a second one above them, but this was not possible because of the ducts are quite rigid and they could have been damaged if moved. So the two waterproofing layers have been both put above the ducts with alternate junction to avoid water leakage.

SDC11515

SDC11563

SDC11561

In a particularly critical point, where the new membrane had to be joined to the pre-existing one and to a portion of pavement without any waterproofing, liquid bitumen was poured over the ducts so that it could leak onto the floor. Then it was all covered with a double layer of waterproofing membrane.

SDC11562

SDC11752

Screed

I watched the realization of screed in the new built balconies and in the big terrace on the third floor. The mix of sand, cement and water is less liquid of what I thought and is is pumped directly on the surface to screed. It’s then levelled manually with a staff and let dry for a couple of days. After that  the balconies have been paved.

2013-04-10 10.11.00

SDC11750

[ IT] E’ da poco più di un mese che ho iniziato un tirocinio per una ditta di costruzioni: anch ese lavoro come architetto da più di 6 anni ormai, sfortunatamente ho avuto poche occasioni di vedere realizzati I lavori su cui ho lavorato; perciò penso che questa sia una buona occasione per vedere… come funzionano davvero le cose “là fuori”. Devo dire che i primi giorni non sono stati facili: sono l’unica donna, una delle persone più giovani e non sapevo come muovermi senza rallentare il lavoro degli operai. Però a poco a poco sto imparando a stare in cantiere e gli operai sono gentili e rispettosi, così devo dire che mi sto abituando a questo tipo di lavoro e a dire il vero mi sta piacendo molto.

La ditta si chiama Progest Architetture dell’ Arch. Fabrizio  Lo Forte e dell’ Arch. Giancarlo Fresu. Al momento stiamo seguendo tre cantieri: un hotel ad Alghero, parzialmente in ristrutturazione e in parte costruito ex novo, un piccolo ampliamento ad Alghero e un rifacimento di facciata a Sassari. Io alterno visite a tutti e tre i cantieri e devo dire che, sebbene siano tre lavori molto differenti tra loro, sono tutti interessanti.

Iniziamo dal cantiere più grande, l’hotel. Si trova a ridosso di una delle strade principali di Alghero, proprio di fronte al mare (la vista dal tetto è spettacolare), è un edificio di 4 piani con circa 60 stanze per gli ospiti, una sala riunioni, sala colazioni e piscina sul tetto. L’architetto ha usato degli accorgimenti per il risparmio energetico, come le lampadine a risparmio energetico in tutto l’hotel, muri spessi con 6 cm di isolante, doppi vetri, schermature dei vetri costituite dagli aggetti dei balconi superiori, pannelli solari per l’acqua calda sanitaria, un sistema centralizzato per il condizionamento con UTA e fancoils e, soprattutto, un sistema domotico che controlla apertura dei serramenti, luci e condzionamento.  Questo sistema permetterà di far risparmiare moltissima energia perchè eviterà la maggior parte degli sprechi che più comunemente avvengono negli holtel, come ad esempio avere il condizionatore acceso in una stanza vuota, o avere il condizionamento acceso e le finestre aperte allo stesso tempo (vedi Caso studio: un hotel in Sardegna).

Sfortunatamente per me, quando ho iniziato questo tirocinio I lavori erano già ad uno stadio avanzato, quindi ho potuto vedere solo dei pezzi qua e là di lavoro. Vi descriverò quelle che, almeno per me, sono state le parti più interessanti, cercando di non annoiarvi troppo a parole e inserendo quante più immagini possible.

Piscina sul tetto

La piscina è profonda 1,1m (se fosse stata più profonda si sarebbe dovuta prevedere la presenza costante di un bagnino). E’ stata isolata con dei pannelli di …. su uno strato di primer. Sopra l’isolamento è stato fatto un massetto di pochi centimetri, rasato a fino e rifinito con un’altra membrana, anch’essa impermeabile… La piscina verrà probabilmente collaudata all’inizio della prossima settimana. Al momento sfortunatamente ci sono ancora dei problem di infiltrazione d’acqua dal piano della piscine al cadevio ispezionabile sottostante perchè, abbiamo scoperto ieri, la membrana impermeabilizzante al bordo piscina  si è rotta e l’acqua si è infiltrata sotto la soglia di marmo che la copriva. E’ stato perciò necessario rimuovere parte delle soglie per inidividuare il punto critico e ripristinare l’impermeabilizzante, ma ora è tutto sotto controllo.

Impermeabilizzazione del terrazzo

Il grande terrazzo del terzo piano, di fronte alla sala colazioni, è stato trattato con uno strato di primer che è servito da base per l’impermeabilizzazione vera e propria. L’impermeabilizzazione di questo terrazzo ha presentato non pochi problemi per la grande quantità di tubazioni che lo attraversano,  messe in opera prima dell’impermeabilizzazione. L’idea iniziale del capo cantiere era di  posare uno strato di impermeabilizzante al di sotto dei tubi e uno al di sopra, ma ciò non è stato possibile per la rigidità dei tubi in questione che avrebbero potuto lesionarsi se mossi. I fogli di impermeabilizzante sono quindi stati disposti in due strati al di sopra dei tubi, con le giunture alternate per evitare il passaggio dell’acqua. In un punto particolarmente critico, dove la nuova impermeabilizzazione doveva raccordarsi a quella preesistente e ad un tratto di pavimento in cui l’impermeabilizzazione mancava proprio, è stata fatta una colata di bitume liquido che si infiltrasse  tra i tubi fino al pavimento, poi ricoperta con uno due strati di impermeabilizzante in fogli.

Massetti

Ho assistito alla realizzazione dei massetti dei terrazzi aggettanti e del grande terrazzo al terzo piano. L’impasto fatto di sabbia, acqua e cemento è meno liquido di quello che pensassi e viene pompato direttemente nel tratto da massettare. Viene poi livellato a mano con delle righe e lasciato asciugare un paio di giorni. I terrazzi sono stati poi pavimentati.