Energy certificates, not a good business – Certificati energetici, non un buon affare

[EN] Since last year in Italy it is compulsory to have an energy certificate of you house/flat if you are going to sell or rent it. The purpose should be orientating the market towards more efficient buildings, making them acquire more value. Sadly, this mechanism doesn’t really work and owners or renters don’t understand the meaning of  energy certificates and think that they are just another way to extort them money. The matter is that the majority of the Italian building stock is old and in bad conditions (ad this happens not only in Italy!) with  most of buildings resulting in G or F class (the worst performing ones) and the energy certificates don’t add any value to them just asserting the present conditions. If someone owns an A class house, then he/she will be happy to have it certified but otherwise ( I shouldn’t say that) I can understand the general malcontent.

On the other side here we are,  the certifiers: architects, technicians, engineers…working for almost nothing because, if you want to make energy certificates,  you can’t ask more than 100-120 euros for each certificates to your clients because of the crazy competition. The main problem is there are too many people doing this job and most of the clients think there is virtually not work behind an energy certificate. It’s been proved that there are people who make them in a few hours, without even bothering seeing the building in person but asking via phone the building characteristics. But if you want to do a good job, you need to spend some time to go on site, take measures and pictures, possibly using a thermo-camera and other instruments, then go back to your office and insert all the data in the software and analyse the results. You also have to propose possible  interventions to improve the building energy performances, with an estimate of costs and payback time. Not so simple as it looks and not so quick: at least two-three days of full work for an apartment.

So you may ask me: why do you work on that?! well, first of all because I like it. Most architects think it’s not worth bothering making certificates because it’s  a lot of work for almost no pay and there is also a certain responsibility in that, of course, and I agree. But many also think it’s a kind of “second class” job for an architect or an engineer and I don’t think that’s true, because to do this job you need to know well building envelope, systems and their integration . With a responsible job and a correct approach you can explain to the client the real meaning of such certificates and the importance of having them. The more the certificates become common practice and they are well done, the more people will be “educated” to the knowledge of energy efficient buildings and they will ask for better performing buildings. In this way a “virtuous cycle” will start, being another little step towards the ‘20-20-20’ objectives that EU wants each of its Countries to reach.

[IT] L’anno scorso in Italia è diventato obbligatorio avere un attestato di certificazione per edifici in vendita o in affitto. Lo scopo dovrebbe essere quello di orientare il mercato verso edifici energeticamente più efficienti, facendogli acquisire più valore. Purtroppo questo meccanismo non funziona come dovrebbe e i venditori o i locatori non ne comprendono appieno il significato e pensano che siano solo un altro modo per estorcere loro altro denaro. Il problema è che la maggior parte del patrimonio edilizio italiano è vetusto e in cattive condizioni (e non solo in Italia!) con la maggior parte degli edifici in classe F o G (le peggiori) e i certificati energetici non gli aggiungono nessun valore,per così dire, limitandosi a testimoniare lo stato attuale. Se qualcuno possiede un edificio in classe A, allora sarà contento/a di vederlo riconosciuto, ma altrimenti (non dovrei dirlo) posso capire il malcontento generale.

Dall’altro lato ci siamo noi, i certificatori: architetti, tecnici, ingegneri… che lavoriamo per quasi niente perchè, se vuoi fare il certificatore, non puoi chiedere al cliente più di 100-120 euro a certificato per via della concorrenza mostruosa. Il problema è che ci sono troppe persone che fanno questo lavoro e che la maggior parte dei clienti pensa che non ci sia praticamente nessuno sforzo dietro un certificato energetico. E’ stato appurato che ci sono persone che li redigono in poche ore, magari senza neanche scomodarsi a fare un sopralluogo dell’edificio, ma chiedendone via telefono le caratteristiche al proprietario. Ma, se si vuol fare un buon lavoro, bisogna spendere del tempo sul campo, prendere misure e scattare foto, possibilmente usare una termo-camera e altri strumenti, poi tornare in ufficio e inserire tutti i dati nell’apposito software e analizzare i risultati del calcolo.  Bisogna anche proporre al cliente dei possibili interventi per migliorare le prestazioni energetiche dell’edificio, con relativi stima dei costi e tempi di ritorno dell’investimento. Non così semplice come sembra, quindi, e non così veloce: servono almeno due o tre giorni di lavoro pieni per la certificazione di un appartamento.

E così potreste chiedermi: allora perchè fai questo lavoro?! Beh prima di tutto perchè mi piace. La maggior parte degli architetti pensa che non valga la pena fare questi certificati perchè c’è tanto lavoro da fare per una paga quasi nulla e vi è anche una certa responsabilità da prendersi, naturalmente e su questo sono d’accordo. Ma molti pensano anche che sia una specie di “lavoro di seconda classe” per un architetto o un ingegnere e non credo che questo sia giusto perché per fare questo lavoro bisogna conoscere bene l’involucro edilizio, il sistema degli impianti e la loro integrazione.  Con un lavoro responsabile e un approccio corretto si può spiegare al cliente il vero significato dei certificati energetici e l’importanza di farli: più essi diventano una pratica comune, più le persone saranno “educate” alla conoscenza dell’efficienza energetica e ricercheranno edifici più performanti; in questo modo si instaurerà un “circolo virtuoso” che sarà un ulteriore piccolo passo verso gli “obiettivi 20-20-20” che l’ UE vuole che ognuno dei suoi Paesi membri raggiunga.

A very low-cost refurbishment – Una ristrutturazione a bassissimo costo

When moving back to Sassari,  my home town, I thought I couldn’t go back to live with my parents. I also didn’t want to pay a rent, especially not having a regularly paid job! So I proposed to my parents a possible solution: moving back with them, but keeping our spaces separated, so to have a bit more privacy. They accepted, also because our house fortunately has a layout that makes easy this kind of division. My parents house, in fact, is on two floors and each floor can work independently or almost. I kept one room, the kitchen and one bathroom on the first floor and they kept the attic for themselves and a big room on first floor.  When they built the attic, almost twenty years ago, they basically stopped using the first floor, except for one room that my dad kept as a studio/laboratory for painting. So the first floor was as a matter of fact abandoned, dusty and full of useless things.

2012-09-22 08.53.57   2012-09-22 09.05.38

At first my idea was to tidy up, cleaning and throwing away old stuff. But when I started doing so, I realised the flat would need much more interventions to become liveable and comfortable again. You can’t imagine the quantity and type of things I found when started tidying up those two rooms, especially the kitchen! Old liquor bottles, cans, pots and pans…I kept all those things that could be cleaned and used again and threw away everything else. Reusing and recycling are really a great thing! In this way I didn’t have to spend a single cent on cutlery and pottery…and I have a lot of vintage stuff – originally 70s-, very useful and nice!

As I was saying, tidying wasn’t enough: walls had to be painted and windows were in quite a bad state.

For the walls we used only water-based colours. In the kitchen, I chose orange for the fireplace chimney and then decided to match it with a light purple. It looks like a completely new kitchen now! In the room, I chose lime colour for only one wall, the rest was left white as it was.

DSC_0006

DSC_0008 DSC_0046 DSC_0002

We decided not to replace the windows, first of all because it would have costed around € 2.000 and secondly because they are the original house windows from early 50s. We opted for the substitution of single glazing with double glazing. The work was done by a local artisan and it only costed around € 600. Windows also needed to be sanded and painted…and that was my dad’s job! We then put draught proofing.

We hired an electrician to substitute some plugs, add few more and place a satellite dish to allow me to watch TV. All that work costed around € 250.

We did most of the work by ourselves, little by little and in about one month and a half I was able to move into my “new flat”. The only expenses we had were to pay carpenter, electrician and to buy the paint for the walls and few more material, so with less than € 1.000 I have a fresh looking place to stay. There is more to do, but now that I’m settled I can relax a bit.

Quando sono tornata a Sassari, ho pensato che non sarei potuta tornare a vivere dai miei genitori. Allo stesso tempo, però, non volevo dover pagare un affitto, specialmente non avendo un lavoro con un salario regolare! Così ho proposto ai miei genitori una possibile soluzione: trasferirmi nuovamnete da loro, ma tenendo i nostri spazi separati,così da avere un po’ più di privacy. Hanno accettato, anche perchè fortunatamente casa nostra ben si presta ad una divisione di questo tipo . Infatti, la casa dei miei si sviluppa su due piani ed ogni piano funziona indipendentemente dall’altro…o quasi. Per me ho tenuto una stanza, la cucina e il bagno al primo piano e loro hanno tenuto la mansarda e una grande stanza al primo piano (che verrà liberata in seguito diventando il mio soggiorno).  Quando fecero costruire l’attico, ormai quasi vent’anni fa, praticamente smisero di abitare il primo piano, a parte la stanza che mio padre ha tenuto come suo studio/laboratorio per dipingere. Così il primo piano risultava praticamente abbandonato, polveroso e pieno di cose inutili.

All’inizio la mia idea era di riordinare, pulire e buttare via le cose vecchie. Ma quando ho cominciato, ho capito che l’appartamento avrebbe avuto bisogno di molti più interventi, per diventare di nuovo vivibile e confortevole. Non potete immaginare la quantità e il tipo di cose che ho trovato quando ho iniziato a sistemare quelle due stanze, specialmente in cucina! Vecchie bottiglie di liquori, scatole di latta, recipienti e padelle…Ho tenuto tutto quello che poteva essere pulito e usato di nuovo e ho gettato via il resto. Riuso e riciclo sono davvero una gran cosa! In questa maniera non ho speso niente per comprare posate e stoviglie… e mi sono ritrovata con tante cose vintage – originali degli anni ’70 – molto utili e belle!

Come ho detto prima, riordinare non era abbastanza: i muri dovevano essere ridipinti e le finestre erano abbastanza in cattivo stato.

Per i muri abbiamo usato solamente pitture a base di acqua. In cucina ho scelto un arancione vivace per la cappa del camino e poi ho deciso di abbinarvi un viola chiaro. Sembra una cucina completamente nuova! Nell’altra stanza ho scelto un verde acido solo per un muro, il resto è stato lasciato bianco così com’era.

Abbiamo deciso di non sostituire le finestre, prima di tutto perché sarebbe costato intorno ai 2000 euro e poi perché erano le finestre originarie della casa risalenti ai primi anni ’50.  Abbiamo optato per la sostituzione del vetro singolo con doppi vetri pur mantenendo la finestra originale. Il lavoro è stato fatto da un falegname del posto ed è costato solo intorno alle 600 euro.  Le finestre avevano anche bisogno di essere scartavetrate e ridipinte…e questo è stato un lavoro per mio babbo! A lavoro ultimato abbiamo aggiunto i para-spifferi.

Abbiamo chiamato un elettricista per sostituire alcune prese, aggiungerne delle altre e piazzare la parabola per poter guardare la TV. Il tutto è costato intorno alle 250 euro.

Abbiamo fatto la maggior parte del lavoro da noi, a poco a poco e in circa un mese e mezzo ho potuto trasferirmi nel mio “nuovo” appartamento. Le uniche spese che abbiamo dovuto affrontare sono state per pagare il falegname, l’elettricista e per comprare le vernici per i muri e poco altro materiale, così, con una spesa inferiore ai 1000 euro, ho un posto dall’aspetto rinnovato dove stare. C’è tanto ancora da fare, ma ora che mi sono sistemata posso fare le cose con un po’ più di relax.