Satisfaction!

go to english text
Le vacanze sono finite, già da un po’ a dire il vero, e sto lavorando a nuovi interessanti progetti. É stata un po’ dura ricominciare, a dire il vero, dopo tre settimane di vacanza passate nella mia splendida isola, ma la sfida di nuovi progetti mi dà la carica. Nel frattempo ieri, del tutto inaspettatamente, è arrivato un piccolo riconoscimento alle mie fatiche, che mi ha dato molta soddisfazione: c’è un gruppo su Facebook che si chiama “Mangiare a Sassari e dintorni”, su cui ieri hanno postato il seguente commento (vedi immagine sottostante)

cattura-fb

Forse vi ricorderete il lavoro che ho fatto per Cum Panis, ideando e curando l’installazione dei pannelli di cui si parla. Quindi, che dire…potete immaginarvi la mia contentezza e soddisfazione leggendo questo post ” a sorpresa”!

 

[ENG]

Holidays have ended, a while ago already and I’m working at new interesting projects. Actually it was tough to start again, after three weeks spent in my wonderful island but the challenge of new projects is giving me a boost. Meantime, yesterday, completely unexpectedly I received a little recognition for my fatigues which gave me satisfaction: there’s a Facebook group called  “Mangiare a Sassari e dintorni” (Eating in Sassari and whereabouts), where somebody posted the following (see picture above). The text says:

” this is not a culinary review, but a plaudit for an attention towards the client.

“Cum panis” installed soundproof panels.

At last a place where you can talk with people at your table without  having to shout. Silence not party effect.

Well done!!!

I hope this exaple will be followed by others!”

 

Maybe some of you will remember the work I’ve done for Cum Panis, designing and curating the installation of the panels the post is about. So, what can I say…you can imagine my   contentment and satisfaction when I’ve read this post!

PROJECT COMPLETED!

[ENG] As promised, I’m writing a post about my latest project, which is also my first project in which I designed and managed the building site on my own. Therefore, I admitt there are things I would have done different, but I’m overall satisfied about this work. It’a a vet ambulatory in Ittiri, a small town near Sassari, Sardinia. Here in this blog post you can see pictures of the opening party, in the WORKS tab you can see a slideshow of professional pictures taken by Rossella Fadda Photographer (these will also be in my Pinterest account very soon) and you will be able to read a full description of the project in my Archilovers profile. So what do you think about this project?

[IT] Come promesso, scrivo un post sul mio ultimo progetto, che è anche il primo in cui mi sono occupata della progettazione e della direzione dei lavori interamente da sola. Perciò, seppure ci siano delle cose che avrei fatto diversamente, nel complesso devo ammettere di essere soddisfatta del lavoro. Si tratta di un ambulatorio veterinario a Ittiri, un piccolo comune in provincia di Sassari, in Sardegna.. In questo post trovate alcune fotografie dell’inaugurazione, nella pagina WORKS potete vedere le fotografie professionali scattate dalla fotografa Rossella Fadda (queste saranno presto anche sul mio Pinterest account) e a breve potrete leggere una descrizione completa del progetto sul mioprofilo Archilovers. Quindi…cosa ne pensate di questo progetto?

 

DSC_0042

DSC_0035

DSC_0079

DSC_0028

DSC_0029

meravigliosa torta della mia amica Tiziana (facebook: Candyti)

DSC_0081

DSC_0060

 

Stay tuned!

[ENG] Hello my dear, long time without writing! I know, my fault… but I’ve been very busy with this building site you see in the featured image. The work it’s almost done, so keep an eye on this blog to know what it’s all about and see the final pictures!

 

[IT] Salve cari, quanto tempo senza scrivere! Lo so, è colpa mia… ma sono stata molto impegnata con questo cantiere di cui vedete “un pezzetto” nell’immagine di copertina. Il lavoro è quasi finito, quindi tenete d’occhio questo blog per sapere di cosa si tratta e per vedere le foto finali!

Swimming pool structural testing – Collaudo statico di una piscina

[EN] Last week we tested the hotel’s swimming pool in Alghero. Some guys from the engineering faculty of University of Cagliari came to place the instruments and take measurements. Basically the structural testing of a swimming pool consists of measuring how many millimetres decimal the ceiling structures “moves” when the swimming pool is filled with water and in seeing if it goes back to the previous state when the swimming pool is emptied. This kind of transformation is called elastic deformation. Instead, if the structure doesn’t come back to the original undeformed shape…well then it’s a big problem!
So the guys from university placed their sensors on the ceilings of the floor underneath the swimming pool and started to fill the swimming pool with water.

SDC12014 SDC12015 SDC12042 SDC12017

It was a long process because they had to pump the water from a tank truck parked in the road;

SDC12020

when the water reached the 30 cm depth the filling was stopped for a while to give the structure time for stabilise and the guys the possibility to register the first measurements. Then they started to fill the swimming pool again and it was left like that till the next morning, when the swimming pool was emptied again and the sensors were taken out. “Luckly” the structure lowered in the limits of the elastic deformation so the test was positive. The swimming pool has not been used yet for little works that still need to be done on that floor.
The hotel opened last Friday hosting few clients but the works haven’t finished yet. We are trying to speed up and close the building site.

[IT] La settimana scorsa c’è stato il collaudo statico della piscina dell’hotel ad Alghero. Un gruppo di persone è venuto dalla facoltà di ingegneria dell’Università di Cagliari per piazzare gli strumenti e fare le dovute misurazioni.  In pratica il collaudo statico consiste nel misurare di quanti decimi di millimetro si abbassa la struttura sottostante la piscina quando quest’ultima viene riempita d’acqua e nel vedere se la struttura torna alla condizione di partenza quando la piscina viene svuotata.  Questo tipo di trasformazione è chiamata deformazione elastica. Invece, se la struttura non ritorna allo stato indeformato originale…beh allora è un grosso problema!
Quindi il gruppo di studiosi ha piazzato i sensori a contatto con i soffitti del piano sottostante la piscina e hanno iniziato a far riempire la piscina. E’ stato un processo abbastanza lungo perchè hanno dovuto pompare l’acqua da un’autocisterna posteggiata in strada; quando l’acqua ha raggiunto i 30 cm di profondità, il riempimento è stato interrotto per dare il tempo alla struttura sottostante di stabilizzarsi e per registrare le prime deformazioni. Dopo si è continuato a riempire la piscina, che è stata lasciata così fino al mattino seguente, quando è stata nuovamente svuotata e i sensori sono stati ritirati. Fortunatamente la struttura si è deformata entro i limiti di una deformazione elastica così il collaudo è stato positivo. La piscina non è ancora stata inaugurata per via di alcuni lavori  da terminare al piano.
L’hotel ha aperto lo scorso venerdì per pochi clienti ma i nostri lavori non sono ancora finiti. Stiamo cercando di accelerare per chiudere definitivamente il cantiere. 

A very low-cost refurbishment – Una ristrutturazione a bassissimo costo

When moving back to Sassari,  my home town, I thought I couldn’t go back to live with my parents. I also didn’t want to pay a rent, especially not having a regularly paid job! So I proposed to my parents a possible solution: moving back with them, but keeping our spaces separated, so to have a bit more privacy. They accepted, also because our house fortunately has a layout that makes easy this kind of division. My parents house, in fact, is on two floors and each floor can work independently or almost. I kept one room, the kitchen and one bathroom on the first floor and they kept the attic for themselves and a big room on first floor.  When they built the attic, almost twenty years ago, they basically stopped using the first floor, except for one room that my dad kept as a studio/laboratory for painting. So the first floor was as a matter of fact abandoned, dusty and full of useless things.

2012-09-22 08.53.57   2012-09-22 09.05.38

At first my idea was to tidy up, cleaning and throwing away old stuff. But when I started doing so, I realised the flat would need much more interventions to become liveable and comfortable again. You can’t imagine the quantity and type of things I found when started tidying up those two rooms, especially the kitchen! Old liquor bottles, cans, pots and pans…I kept all those things that could be cleaned and used again and threw away everything else. Reusing and recycling are really a great thing! In this way I didn’t have to spend a single cent on cutlery and pottery…and I have a lot of vintage stuff – originally 70s-, very useful and nice!

As I was saying, tidying wasn’t enough: walls had to be painted and windows were in quite a bad state.

For the walls we used only water-based colours. In the kitchen, I chose orange for the fireplace chimney and then decided to match it with a light purple. It looks like a completely new kitchen now! In the room, I chose lime colour for only one wall, the rest was left white as it was.

DSC_0006

DSC_0008 DSC_0046 DSC_0002

We decided not to replace the windows, first of all because it would have costed around € 2.000 and secondly because they are the original house windows from early 50s. We opted for the substitution of single glazing with double glazing. The work was done by a local artisan and it only costed around € 600. Windows also needed to be sanded and painted…and that was my dad’s job! We then put draught proofing.

We hired an electrician to substitute some plugs, add few more and place a satellite dish to allow me to watch TV. All that work costed around € 250.

We did most of the work by ourselves, little by little and in about one month and a half I was able to move into my “new flat”. The only expenses we had were to pay carpenter, electrician and to buy the paint for the walls and few more material, so with less than € 1.000 I have a fresh looking place to stay. There is more to do, but now that I’m settled I can relax a bit.

Quando sono tornata a Sassari, ho pensato che non sarei potuta tornare a vivere dai miei genitori. Allo stesso tempo, però, non volevo dover pagare un affitto, specialmente non avendo un lavoro con un salario regolare! Così ho proposto ai miei genitori una possibile soluzione: trasferirmi nuovamnete da loro, ma tenendo i nostri spazi separati,così da avere un po’ più di privacy. Hanno accettato, anche perchè fortunatamente casa nostra ben si presta ad una divisione di questo tipo . Infatti, la casa dei miei si sviluppa su due piani ed ogni piano funziona indipendentemente dall’altro…o quasi. Per me ho tenuto una stanza, la cucina e il bagno al primo piano e loro hanno tenuto la mansarda e una grande stanza al primo piano (che verrà liberata in seguito diventando il mio soggiorno).  Quando fecero costruire l’attico, ormai quasi vent’anni fa, praticamente smisero di abitare il primo piano, a parte la stanza che mio padre ha tenuto come suo studio/laboratorio per dipingere. Così il primo piano risultava praticamente abbandonato, polveroso e pieno di cose inutili.

All’inizio la mia idea era di riordinare, pulire e buttare via le cose vecchie. Ma quando ho cominciato, ho capito che l’appartamento avrebbe avuto bisogno di molti più interventi, per diventare di nuovo vivibile e confortevole. Non potete immaginare la quantità e il tipo di cose che ho trovato quando ho iniziato a sistemare quelle due stanze, specialmente in cucina! Vecchie bottiglie di liquori, scatole di latta, recipienti e padelle…Ho tenuto tutto quello che poteva essere pulito e usato di nuovo e ho gettato via il resto. Riuso e riciclo sono davvero una gran cosa! In questa maniera non ho speso niente per comprare posate e stoviglie… e mi sono ritrovata con tante cose vintage – originali degli anni ’70 – molto utili e belle!

Come ho detto prima, riordinare non era abbastanza: i muri dovevano essere ridipinti e le finestre erano abbastanza in cattivo stato.

Per i muri abbiamo usato solamente pitture a base di acqua. In cucina ho scelto un arancione vivace per la cappa del camino e poi ho deciso di abbinarvi un viola chiaro. Sembra una cucina completamente nuova! Nell’altra stanza ho scelto un verde acido solo per un muro, il resto è stato lasciato bianco così com’era.

Abbiamo deciso di non sostituire le finestre, prima di tutto perché sarebbe costato intorno ai 2000 euro e poi perché erano le finestre originarie della casa risalenti ai primi anni ’50.  Abbiamo optato per la sostituzione del vetro singolo con doppi vetri pur mantenendo la finestra originale. Il lavoro è stato fatto da un falegname del posto ed è costato solo intorno alle 600 euro.  Le finestre avevano anche bisogno di essere scartavetrate e ridipinte…e questo è stato un lavoro per mio babbo! A lavoro ultimato abbiamo aggiunto i para-spifferi.

Abbiamo chiamato un elettricista per sostituire alcune prese, aggiungerne delle altre e piazzare la parabola per poter guardare la TV. Il tutto è costato intorno alle 250 euro.

Abbiamo fatto la maggior parte del lavoro da noi, a poco a poco e in circa un mese e mezzo ho potuto trasferirmi nel mio “nuovo” appartamento. Le uniche spese che abbiamo dovuto affrontare sono state per pagare il falegname, l’elettricista e per comprare le vernici per i muri e poco altro materiale, così, con una spesa inferiore ai 1000 euro, ho un posto dall’aspetto rinnovato dove stare. C’è tanto ancora da fare, ma ora che mi sono sistemata posso fare le cose con un po’ più di relax.