2014 in review

The WordPress.com stats helper monkeys prepared a 2014 annual report for this blog. I only published 2 posts in 2014 and I’m sorry for that but it was a difficult year. Even so I had quite a lot visitors compared to what I was expecting and I want to thank my readers for this! Thank you!! I’ll definitely publish more in 2015! You can also visit my Facebook page which I keep quite up-to-date! Thanks again, readers and followers!

Here’s an excerpt of the stats report:

A San Francisco cable car holds 60 people. This blog was viewed about 940 times in 2014. If it were a cable car, it would take about 16 trips to carry that many people.

Click here to see the complete report.

Christmas tree? – Albero di Natale?

[ENG] As I promised few days ago, I’m posting pictures ot the Christmas tree I helped decorating as part of the DomECO team for an installation commisioned by Abetone Music Bar in Sassari. The tree is all made of recycled materials: the structure is made of fruit boxes and decorations are made of paper, cardboard from toilet paper rolls, empty glass jars filled with dried fruit and nuts peelings, leaves, empy light bulbs… See it for yourself in the following pictures, I think it’s beautiful!

Have a Merry and SUSTAINABLE Christmas!

[IT] Come promesso qualche giorno fa, ora posterò le foto dell’albero di Natale che ho aiutato a decorare, come parte del team di DomECO per un’installazione commissionata dall’Abetone Music Bar a Sassari. L’albero è completamente fatto di materiali di riciclo: la struttura è fatta da cassette della frutta e le decorazioni sono fatte di carta, cartoncino dei rotoli di carta igienica, barattoli di vetro riempiti con bucce di frutta e noccioline, foglie, lampadine svuotate… Guardate voi stessi nelle seguenti fotografie, io penso che sia bellissimo!

Tanti auguri per un Natale felice e SOSTENIBILE!

ALBEROFOTO 7FOTO 8FOTO 10 FOTO 12 FOTO 13 FOTO 14 FOTO 15 PROFILO
FOTO 1 FOTO 3 FOTO 5

Music from Plants – la Musica delle Piante

[EN] Last Sunday I went to visit Si Può Fare fair organised by Scirarindi, as I suggested in my previous post. Unfortunately I arrived only two hours before closing, and most of the workshops and events had already taken place. I must say the fair was quite different from what I expected but it was nice and well organised. I was expecting something more “technical” and a bigger section of sustainable architecture. Instead it was much more “spiritual” with a big area dedicated to equilibrium mind-body, spiritual dance, yoga meditation and so on. I even tried the meditation and it was interesting and relaxing though I didn’t feel the “energy flowing through my body”. There was also a lot dedicated to local products like hand matted wool objects and local bio food.  But the thing that mostly catched my attention was the “music of the plants”.

It is possible to listen to sounds generated by the plants thanks to a machine that converts the electrical impulses generated by the plants  during the photosynthesis in sounds. The plant interacts with what surrounds it and the sound changes. I tried to touch the plant and it really changed the sound! It’s weird but I felt as the plant was talking to me…amazing! The two artists that showed us this experiment will be in  Luras, Province of Olbia-Tempio, Sardinia, in the  wood for a demonstration with the millenarian olive trees, on the 23nd of this month. I don’t want to miss this event because it must be wonderful!!

You can watch this video to understand the beauty of the plants’ music. The video was filmed at Furlo, a location in Marche region.

You can also see the calendar of the events until the 23rd June in Sardinia.

(cover image by my artist friend Kelly Patton)

[IT] Domenica scorsa sono andata alla fiera Si Può Fare organizzata da Scirarindi, come avevo consigliato nel mio post precedente. Sfortunatamente sono riuscita ad arrivare solo due ore prima della chiusura e la maggior parte dei workshop e degli eventi c’erano già stati. Devo dire che la fiera è stata abbastanza diversa da come me l’aspettavo ma piacevole e ben organizzata. Mi aspettavo qualcosa di più “tecnico” e una sezione più grande sulla bioarchitettura, invece era tutto molto più “spirituale” con una grandearea dedicata all’equilibrio tra mente e corpo, danze spirituali, meditaziona yoga e così via. Ho persino provato la meditazione yoga ed è stato interessante e rilassante, anche se, devo dire, non ho sentito “l’energia che scorre attraverso il mio corpo”.

C’erano molti stand dedicati ai prodotti locali come il feltro e cibi locali biologici. Ma la cosa che ha colpito di più la mia attenzione è stata la “musica delle piante”. E’ possibile ascoltare i suoni generati dalla pianta grazie ad un apparecchiatura che trasforma gli impulsi elettrici emessi dalla pianta durante la fotosintesi clorofilliana in suoni. La pianta interagisce con ciò che la circonda e il suono cambia. Ho toccato la pianta ed ha davvero cambiato il suono! E’ strano ma è stato come se la pianta mi parlasse…spettacolare! I due artisti che hanno fatto questa dimostrazione saranno a Luras il 23 di questo mese per una dimostrazione nel bosco degli ulivi millenari. Non voglio perdermi questo evento perchè dev’essere meraviglioso!

Potete guardare questo video per capire la bellezza della musica delle piante. Il video è stato girato al Furlo, nelle Marche.

Potete anche consultare il calendario degli eventi fino al 23 giugno in Sardegna.

(Immagine di copertina della mia amica artista Kelly Patton)

Swimming pool structural testing – Collaudo statico di una piscina

[EN] Last week we tested the hotel’s swimming pool in Alghero. Some guys from the engineering faculty of University of Cagliari came to place the instruments and take measurements. Basically the structural testing of a swimming pool consists of measuring how many millimetres decimal the ceiling structures “moves” when the swimming pool is filled with water and in seeing if it goes back to the previous state when the swimming pool is emptied. This kind of transformation is called elastic deformation. Instead, if the structure doesn’t come back to the original undeformed shape…well then it’s a big problem!
So the guys from university placed their sensors on the ceilings of the floor underneath the swimming pool and started to fill the swimming pool with water.

SDC12014 SDC12015 SDC12042 SDC12017

It was a long process because they had to pump the water from a tank truck parked in the road;

SDC12020

when the water reached the 30 cm depth the filling was stopped for a while to give the structure time for stabilise and the guys the possibility to register the first measurements. Then they started to fill the swimming pool again and it was left like that till the next morning, when the swimming pool was emptied again and the sensors were taken out. “Luckly” the structure lowered in the limits of the elastic deformation so the test was positive. The swimming pool has not been used yet for little works that still need to be done on that floor.
The hotel opened last Friday hosting few clients but the works haven’t finished yet. We are trying to speed up and close the building site.

[IT] La settimana scorsa c’è stato il collaudo statico della piscina dell’hotel ad Alghero. Un gruppo di persone è venuto dalla facoltà di ingegneria dell’Università di Cagliari per piazzare gli strumenti e fare le dovute misurazioni.  In pratica il collaudo statico consiste nel misurare di quanti decimi di millimetro si abbassa la struttura sottostante la piscina quando quest’ultima viene riempita d’acqua e nel vedere se la struttura torna alla condizione di partenza quando la piscina viene svuotata.  Questo tipo di trasformazione è chiamata deformazione elastica. Invece, se la struttura non ritorna allo stato indeformato originale…beh allora è un grosso problema!
Quindi il gruppo di studiosi ha piazzato i sensori a contatto con i soffitti del piano sottostante la piscina e hanno iniziato a far riempire la piscina. E’ stato un processo abbastanza lungo perchè hanno dovuto pompare l’acqua da un’autocisterna posteggiata in strada; quando l’acqua ha raggiunto i 30 cm di profondità, il riempimento è stato interrotto per dare il tempo alla struttura sottostante di stabilizzarsi e per registrare le prime deformazioni. Dopo si è continuato a riempire la piscina, che è stata lasciata così fino al mattino seguente, quando è stata nuovamente svuotata e i sensori sono stati ritirati. Fortunatamente la struttura si è deformata entro i limiti di una deformazione elastica così il collaudo è stato positivo. La piscina non è ancora stata inaugurata per via di alcuni lavori  da terminare al piano.
L’hotel ha aperto lo scorso venerdì per pochi clienti ma i nostri lavori non sono ancora finiti. Stiamo cercando di accelerare per chiudere definitivamente il cantiere. 

On building site, 1st month – In cantiere, 1° mese

[ EN] It’s been just over a month that I started my internship in a construction company: even if I’ve been working as an architect for about 6 years now, unfortunately I’ve had few occasions to see the realization of the projects I worked on. So I think this is a good opportunity for me to see… how things really work “out there”. I must say the first days haven’t been easy: I’m the only woman on site, one of the youngest persons and I didn’t know how to move without slowing the works. But little by little I’m learning how to behave on site, builders are quite nice to me and respectful so I’m getting used to this kind of job and I’m actually enjoying it a lot.

The construction company is called Progest Architetture and it is led by Arch. Fabrizio  Lo Forte and Arch. Giancarlo Fresu. At the moment we are following three building sites: an hotel in Alghero, partially renewed partially new built, a little extension in Alghero and the restoration of a façade in Sassari. I alternate visits to the three sites and I must say that, even if they are three very different types of works, they are all interesting.

SDC11590  2013-05-20 (2)  16_04_2013 (9)

Let’s start from the bigger site: the hotel. It is in one of Alghero main roads, right in front of the sea (the view from the top is breathtaking), it’s a four storey building with about 60 guest rooms, meeting room, breakfast room and swimming pool on the rooftop. I think the architect used some energy saving  features, like low-energy lighting all over the place, thick walls with 6 cm insulation, double glazing, windows are shaded by the balconies on the upper floors, solar panels, a central air conditioning system with fan-coils and, above all, a kind of BIM system which controls windows opening, lighting and air conditioning. This system will save a lot of energy because it will avoid most of the wastes that are common in hotels, such as having the cooling on in an empty room (about this, see also my post about another hotel, Case Study: an hotel in Sardinia).

SDC11501

Unfortunately for me when I started my internship the works were in a quite advanced stage already, so I could only see little bits and pieces of work. I’ll describe what have been the most interesting parts for me, trying not to bother you with too much words and using a lot of pictures.

Swimming pool on rooftop

The swimming pool is deep 1,1 m (if it was deeper it would have been necessary the presence of a lifeguard). It’s been insulated with panels above a layer of primer (insulation wasn’t really necessary but it was used to reduce the swimming pool depth)

Primer and insulation

Over the insulation a few centimetres thick layer of screed has been posed and it’s all been refined with another layer which is also waterproof.

Screed

DSCF0041

water proofing of swimming pool border

The swimming pool will be probably tested at the beginning of next week. For the moment, unfortunately, there is still a problem of water leaking in the void underneath it because, we found out yesterday, the water proof membrane on the border of the swimming pool broke  and water was leaking from underneath the marble threshold. It was necessary to remove part of the thresholds to find  the problem but now it’s fine and it will be solved soon.

SDC11796

SDC11797

Terrace waterproofing

The big terrace on the third floor, outside the breakfast room, was given a first treatment with primer and then waterproofed. Waterproofing this terrace was quite difficult because of the presence of a lot of ducts that were placed before waterproofing. The site manager’s initial idea was to pose a first waterproof membrane layer underneath the ducts and a second one above them, but this was not possible because of the ducts are quite rigid and they could have been damaged if moved. So the two waterproofing layers have been both put above the ducts with alternate junction to avoid water leakage.

SDC11515

SDC11563

SDC11561

In a particularly critical point, where the new membrane had to be joined to the pre-existing one and to a portion of pavement without any waterproofing, liquid bitumen was poured over the ducts so that it could leak onto the floor. Then it was all covered with a double layer of waterproofing membrane.

SDC11562

SDC11752

Screed

I watched the realization of screed in the new built balconies and in the big terrace on the third floor. The mix of sand, cement and water is less liquid of what I thought and is is pumped directly on the surface to screed. It’s then levelled manually with a staff and let dry for a couple of days. After that  the balconies have been paved.

2013-04-10 10.11.00

SDC11750

[ IT] E’ da poco più di un mese che ho iniziato un tirocinio per una ditta di costruzioni: anch ese lavoro come architetto da più di 6 anni ormai, sfortunatamente ho avuto poche occasioni di vedere realizzati I lavori su cui ho lavorato; perciò penso che questa sia una buona occasione per vedere… come funzionano davvero le cose “là fuori”. Devo dire che i primi giorni non sono stati facili: sono l’unica donna, una delle persone più giovani e non sapevo come muovermi senza rallentare il lavoro degli operai. Però a poco a poco sto imparando a stare in cantiere e gli operai sono gentili e rispettosi, così devo dire che mi sto abituando a questo tipo di lavoro e a dire il vero mi sta piacendo molto.

La ditta si chiama Progest Architetture dell’ Arch. Fabrizio  Lo Forte e dell’ Arch. Giancarlo Fresu. Al momento stiamo seguendo tre cantieri: un hotel ad Alghero, parzialmente in ristrutturazione e in parte costruito ex novo, un piccolo ampliamento ad Alghero e un rifacimento di facciata a Sassari. Io alterno visite a tutti e tre i cantieri e devo dire che, sebbene siano tre lavori molto differenti tra loro, sono tutti interessanti.

Iniziamo dal cantiere più grande, l’hotel. Si trova a ridosso di una delle strade principali di Alghero, proprio di fronte al mare (la vista dal tetto è spettacolare), è un edificio di 4 piani con circa 60 stanze per gli ospiti, una sala riunioni, sala colazioni e piscina sul tetto. L’architetto ha usato degli accorgimenti per il risparmio energetico, come le lampadine a risparmio energetico in tutto l’hotel, muri spessi con 6 cm di isolante, doppi vetri, schermature dei vetri costituite dagli aggetti dei balconi superiori, pannelli solari per l’acqua calda sanitaria, un sistema centralizzato per il condizionamento con UTA e fancoils e, soprattutto, un sistema domotico che controlla apertura dei serramenti, luci e condzionamento.  Questo sistema permetterà di far risparmiare moltissima energia perchè eviterà la maggior parte degli sprechi che più comunemente avvengono negli holtel, come ad esempio avere il condizionatore acceso in una stanza vuota, o avere il condizionamento acceso e le finestre aperte allo stesso tempo (vedi Caso studio: un hotel in Sardegna).

Sfortunatamente per me, quando ho iniziato questo tirocinio I lavori erano già ad uno stadio avanzato, quindi ho potuto vedere solo dei pezzi qua e là di lavoro. Vi descriverò quelle che, almeno per me, sono state le parti più interessanti, cercando di non annoiarvi troppo a parole e inserendo quante più immagini possible.

Piscina sul tetto

La piscina è profonda 1,1m (se fosse stata più profonda si sarebbe dovuta prevedere la presenza costante di un bagnino). E’ stata isolata con dei pannelli di …. su uno strato di primer. Sopra l’isolamento è stato fatto un massetto di pochi centimetri, rasato a fino e rifinito con un’altra membrana, anch’essa impermeabile… La piscina verrà probabilmente collaudata all’inizio della prossima settimana. Al momento sfortunatamente ci sono ancora dei problem di infiltrazione d’acqua dal piano della piscine al cadevio ispezionabile sottostante perchè, abbiamo scoperto ieri, la membrana impermeabilizzante al bordo piscina  si è rotta e l’acqua si è infiltrata sotto la soglia di marmo che la copriva. E’ stato perciò necessario rimuovere parte delle soglie per inidividuare il punto critico e ripristinare l’impermeabilizzante, ma ora è tutto sotto controllo.

Impermeabilizzazione del terrazzo

Il grande terrazzo del terzo piano, di fronte alla sala colazioni, è stato trattato con uno strato di primer che è servito da base per l’impermeabilizzazione vera e propria. L’impermeabilizzazione di questo terrazzo ha presentato non pochi problemi per la grande quantità di tubazioni che lo attraversano,  messe in opera prima dell’impermeabilizzazione. L’idea iniziale del capo cantiere era di  posare uno strato di impermeabilizzante al di sotto dei tubi e uno al di sopra, ma ciò non è stato possibile per la rigidità dei tubi in questione che avrebbero potuto lesionarsi se mossi. I fogli di impermeabilizzante sono quindi stati disposti in due strati al di sopra dei tubi, con le giunture alternate per evitare il passaggio dell’acqua. In un punto particolarmente critico, dove la nuova impermeabilizzazione doveva raccordarsi a quella preesistente e ad un tratto di pavimento in cui l’impermeabilizzazione mancava proprio, è stata fatta una colata di bitume liquido che si infiltrasse  tra i tubi fino al pavimento, poi ricoperta con uno due strati di impermeabilizzante in fogli.

Massetti

Ho assistito alla realizzazione dei massetti dei terrazzi aggettanti e del grande terrazzo al terzo piano. L’impasto fatto di sabbia, acqua e cemento è meno liquido di quello che pensassi e viene pompato direttemente nel tratto da massettare. Viene poi livellato a mano con delle righe e lasciato asciugare un paio di giorni. I terrazzi sono stati poi pavimentati.

Case Study: an hotel in Sardinia PART 1 – Caso studio: un hotel in Sardegna 1a PARTE

[EN] Last February I started to work on the energy consumption reduction of an hotel in Costa Smeralda, East Sardinia with Dr. Alberto Mannu. Our client (the hotel managers) asked to propose them some low-cost interventions to reduce their very high bills: only electricity bills average 40 000 € per year! So we started analysing the bills. Then we went to see the hotel and we immediately understood that the main source of electricity consumption is air to air heat pumps used to heat/cool the rooms. A big problem is that rooms don’t have any automation system that switch off electricity when the room is empty and it often happens that clients leave their rooms without turning off the conditioners or the lights. Moreover the building envelope is quite inefficient as walls are thick but uninsulated and windows are single glazed.

Air to air heat pump-internal unit

Air to air heat pump-internal unit

Air to air heat pump -external unit

Air to air heat pump -external unit

On our second visit we set the heat pumps to a temperature of 24 °C and so that they turn off maximum three hours after starting. Prior to our settings, most of the machines didn’t have any or, if they had some, settings were very wrong like 30°C for winter and 16°C for summer. We think 24°C can be an adequate temperature, especially if we consider that the room temperature is generally lower than the one set in the machine. We proposed the hotel managers to install room temperatures sensors to monitor the internal conditions.
We installed timers to the coffee machines and drink fridges in the bar and restaurant so they are turned off for a few hours during the night. We calculated that this simple measure will save around 700 € per year. You wouldn’t think coffee machines consume so much electricity, would you?
We all know in hotels there is great water consumption so we decided to install water flow regulators in kitchen and rooms sinks. They were already installed in showers. They are cheap to buy, very easy to install and very useful!

Water flow regulator

Water flow regulator

Another intervention we suggested was to install low-E films on the restaurant room windows. The restaurant is a big room with very big single glazed windows with white curtains and no other shading, so in summer that room overheats because of the solar gains but also for the internal heat gains coming from the kitchen and the high number of guests. We were told by poor waiters that in summer that room seems more a green house than a restaurant. Unfortunately we still haven’t found in the area someone specialized in the application of this kind of films.

Some of the windows in the restaurant room

Some of the windows in the restaurant room

Finally I thought we should try to make clients aware of the great quantity of energy consumption they are responsible for. When somebody goes on holidays and they pay a hotel room with all included, they don’t want to be bothered thinking to save water or turning off the lights… But I think it is wrong: we all should have more environmental conscious behaviors, not only when we are in our homes. We should stop thinking to energy consumption only in terms of money and try to start thinking of it in terms of sustainability: less energy use, less pollution (simplifying a lot). So I thought we should prepare a little “user manual” to explain hotel’s clients how to help saving energy. I’m still waiting for the OK from the hotel managers, hoping they are interested in this sub-project because I think it would be very useful. What do you think?

[IT] Lo scorso febbraio ho iniziato a lavorare alla riduzione del consumo di energia di un hotel in Costa Smeralda, costa est della Sardegna, con il Dr. Alberto Mannu. Il nostro cliente ( i gestori dell’hotel) ci hanno chiesto di proporre alcuni interventi a basso costo per ridurre le loro bollette molto elevate: il solo consumo di energia elettrica ammonta a circa 40 000 € l’anno! Così abbiamo iniziato dall’analisi delle bollette. Poi ci siamo recati sul posto e abbiamo immediatamente capito che la principale fonte di consume di energia elettrica è la presenza in ogni stanza di pompe di calore ad aria per il riscaldamento/raffrescamento delle stanze. Un grosso problema è che le stanze non hanno un sistema di automazione che stacca la corrente quando si lascia la stanza e accade spesso che i clienti escano lasciando accese le pompe di calore o le luci. Inoltre l’involucro edilizio è piuttosto inefficient dato che i muri sono molto spessi ma completamente privi di isolamento termico e le finestre sono a vetro singolo.

Durante il nostro secondo sopralluogo abbiamo regolato la temperature delle pompe di calore a 24°C e lo spegnimento dopo tre ore dall’accensione. Prima delle nostre impostazioni, la maggior parte di queste macchine non erano proprio impostate o avevano delle impostazioni sbagliate come il riscaldamento a 30°C e il raffrescamento a 16°C. Noi riteniamo che 24°C possa essere una temperatura adeguata, specialmente se consideriamo che la temperatura della stanza è generalemte più bassa di quella impostata nella macchina. Abbiamo comunque proposto ai managers di dotare le stanze di termometri per verificare la temperatura nelle camere.

Abbiamo installato dei timer nelle macchine da caffè del bar e del ristorante e nei frigoriferi per le bevande in modo che restino spenti qualche ora a notte. Abbiamo calcolato che questo semplice intervento farà risparmiare circa 700 € l’anno. Non direste che delle macchine da caffè consumino così tanto, vero?

Sappiamo tutti che negli hotel c’è un grande consumo di acqua, così abbiamo deciso di installare dei riduttori di flusso nei lavandini della cucina e delle stanze. Nelle docce erano già installati.  Questi riduttori di flusso sono economici, facile da installare e molto utili!

Un altro intervento che abbiamo proposto è stato di installare delle pellicole basso-emissive sui vetri delle finestre della sala ristorante. Il ristorante è una grande sala con finestroni con vetri singoli e schermati solamente da tende bianche, quindi d’estate la stanza si surriscalda a causa dell’apporto solare e dei guadagni di calore interni dovuti ai fuochi della cucina e all’alto numero di commensali. I camerieri ci hanno detto che d’estate quella stanza sembra più una serra che un ristorante.  Sfortunatamente non abbiamo ancora trovato qualcuno in zona specializzato nell’installazione di tali pellicole.

Infine ho pensato che dovremmo cercare to sensibilizzare maggiormente i clienti riguardo al grande consumo di energia di cui sono responsabili. Quando qualcuno va in vacanza e paga la stanza di un hotel, certo non pensa a risparmiare l’acqua o a spegnere le luci… Ma credo che sia sbagliato: dovremmo tutti avere un comportamento più consapevole rispetto all’ambiente, non solo quando siamo a casa nostra. Dovremmo smetterla di pensare al consumo di energia solo in termini di denaro e iniziare a pensarvi in termini di sostenibilità:  minor uso di energia, minore inquinamento (semplificando al massimo). Quindi ho pensato che per questo lavoro dovremmo preparare un piccolo “manuale utente” che spieghi ai clienti come aiutare a  risparmiare energia.  Sto ancora aspettando l’OK della direzione dell’hotel, sperando che siano interessati a questo sub-progetto, perchè credo veramente che sarebbe molto utile. Voi cosa ne pensate?

NEEDS Architecture in developing Contries – Architetture nei Paesi in via di sviluppo

[EN] If you are around Cagliari, Sardinia, I suggest visiting the exhibition NEEDS – Architecture in developing Countries, in the beautiful location of Lazzaretto. The exhibition opened on 26th Jan and goes on until the 31st. For more information see http://www.kalariseventi.com/en/needs-architetture-nei-paesi-in-via-di-sviluppo-lazzaretto-cagliari-26-31-gennaio.

DSC_0001 copy

The initiative has been launched by GGAF- Young Architects Association of Florence. The showcased projects are located mostly in Thailand, Bangladesh, Burkina Faso and Mali. They are characterised by the use of local materials and “simple technologies” such as natural ventilation, thermal mass and brise-soleil. These projects make us think about what the real needs of people living in those difficult situations are and about the fact that a simple but quality architecture can give an answer to those problems.   Some of the featured designers: Anna Heringer, Diébédo Francis Kére, Emilio and Matteo Caravatti, TYIN.

DSC_0016 DSC_0010  DSC_0013 DSC_0012

The exhibition was launched with the conference titled “Listening design. Perceiving changes in environment and society”, introduced by Arch. Stefania di Benedetto. There were numerous talks, such as Roberta Manca’s, president of N.G.O. A.SE.CON (Friends Without Borders), Remmondo’s engineers Daniela di Bartolo and Caterina Zurru, Arch. Maddalena Achenza for National Association City Land Raw, Arch. Julio Ayllon…

DSC_0005 DSC_0029

A.SE.CON showed how through initiatives like training and micro-credit it was possible to find a job to thirty Senegalese women  in Sardinia, who were taught how to colour textiles with traditional Sardinian techniques. This knowledge was then transferred to some Sardinian women. I think this is a worthy project, but it left me with one question: why it wasn’t proposed a project that involved Sardinian and Senegalese women together from the beginning? there is a very high unemployment rate in Sardinia and I have the feeling that sometimes we pretend everything is OK here, thinking the only people in need are foreigners, but unfortunately it’s not like that.  Moreover a project involving locals and foreigners together would foster social integration.

Piga Sardu Birdi, the project presented by Remmondo, is a good example of consumptions optimisation in public administrations and of  diffusion of virtuous behaviours through kids’ education. The project involved kids from a school in Villacidro, Sardinia. They were explained also through workshops why and how to reduce their waste of water, plastic, paper, disposable cutlery… This will save a lot of energy in the school and moreover the kids will transfer this knowledge to their families, enhancing environmentally friendly behaviours in the whole community.

I also found the talk by Arch. Julio Ayllon particularly inspiring; he showed the project by his studio for the re-qualification of an abandoned building complex in the beach of Olbia, east coast Sardinia, which should be transformed in a seaside resort for disabled people.  The architect showed how it is possible to foster users’ self-sufficiency with some design strategies. He said his dream is, if this project is realised, that one day one disabled person would be able to go out by himself  to watch the beautiful moon rising from the sea.

And finally, Arch. Stefania di Benedetto talked about her PHD thesis, about monitoring an adobe house in Sardinia. Monitoring showed an excellent performance in summer but few problems in winter months due to  “thermally weak elements” such as roof and windows. This gap between summer and winter performances, said the architect, could be covered with the use  of  low embodied energy materials, an analysis deepend in CasaKlima Nature protocol, described by the architect also because CasaKlima was one of the event sponsors.

[IT] Se siete dalle parti di Cagliari, vi consiglio di andare a vedere la mostra NEEDS – Architetture nel Paesi in via di sviluppo, nella bellissima location del Lazzaretto. La mostra è stata inaugurata sabato 26 Gennaio e resterà aperta fino al 31. Per informazioni potete consultare http://www.kalariseventi.com/en/needs-architetture-nei-paesi-in-via-di-sviluppo-lazzaretto-cagliari-26-31-gennaio. L’iniziativa è stata lanciata dal GGAF- Gruppo Giovani Architetti Firenze. I progetti presentati si trovano per lo più in Tailandia, Bangladesh, Burkina Faso e Mali e sono caratterizzati dall’utilizzo di materiali locali e “tecnologie povere”, come la ventilazione naturale, lo sfruttamento della massa termica e l’utilizzo di schermature solari. Questi progetti vogliono farci riflettere su quali siano le necessità delle persone che vivono in contesti problematici e su come un’architettura semplice ma di qualità possa dare una risposta efficace a tali bisogni. Alcuni nomi degli progettisti: Anna Heringer, Diébédo Francis Kére, Emilio e Matteo Caravatti, TYIN.

In occasione dell’inaugurazione, si è tenuto il convegno dal titolo “Il progetto dell’ascolto. Percepire cambiamenti di ambiente e società”, presentato dall’Arch. Stefania di Benedetto. Ci sono stati numerosi interventi tra cui quelli di Roberta Manca, presidente della o.n.g A.SE.CON (Amici Senza Confini), gli ingegneri di Remmondo Daniela di Bartolo e Caterina Zurru, l’Arch. Maddalena Achenza per l’Associazione Nazionale Città della Terra Cruda, l’Arch. Julio Ayllon…

In particolare la A.SE.CON ha illustrato come, attraverso iniziative di formazione e microcredito, siano riusciti a trovare lavoro a trenta donne senegalesi in Sardegna, a cui è stato insegnato a tingere i tessuti con tecniche tradizionali sarde. Questa conoscenza è stata poi trasferita ad alcune ragazze sarde. Trovo che questo sia un progetto molto meritevole, ma mi ha lasciato una perplessità: perchè non si è pensato di promuovere un progetto che coinvolgesse dall’inizio ragazze sarde e senegalesi insieme? c’è un tasso elevatissimo di disoccupazione in Sardegna e ho l’impressione a che a volte si tenda a far finta che qui vada tutto bene e a pensare che gli unici ad avere bisogno di aiuto siano gli stranieri, ma purtroppo non è così. Un progetto che coinvolgesse persone del posto e stranieri, inoltre, favorirebbe una migliore integrazione delle due parti.

Il progetto Piga Sardu Birdi di Remmondo è un bell’ esempio di ottimizzazione dei consumi nelle pubbliche amministrazioni e di diffusione di comportamenti virtuosi attraverso l’educazione dei bambini. Il progetto ha visto coinvolti i bambini di una scuola di Villacidro, a cui è stato spiegato, anche attraverso dei laboratori, come e perché ridurre lo spreco di acqua, plastica, carta, posate usa e getta… Questo comporterà un enorme risparmio all’interno della scuola e in più i bambini veicoleranno queste conoscenze in famiglia, favorendo atteggiamenti più responsabili e un risparmio a scala più ampia.

Ho trovato particolarmente interessante anche l’intervento dell’Arch. Julio Ayllon, che ha mostrato il progetto di riqualificazione di un complesso abbandonato ad Olbia, sulla spiaggia, che dovrebbe essere trasformato in un centro balneare per diversamente abili. L’architetto ha evidenziato come, con alcuni accorgimenti, si possa favorire l’autonomia dell’utente. Il suo sogno, ha detto, realizzando questa struttura, è che un giorno un disabile possa uscire da solo sulla spiaggia e guardare la luna che sorge dal mare.

Infine l’Arch. Stefania di Benedetto ha presentato il caso studio della sua tesi di dottorato, sul monitoraggio di una casa in Sardegna, con muri in mattoni di terra cruda. Il monitoraggio ha mostrato un ottimo comportamento nei mesi estivi, ma problematico nei mesi invernali, a causa della presenza di “strutture deboli” da un punto di vista del comportamento termico, quali la copertura e gli infissi. Questo divario, suggerisce l’architetto, potrebbe essere colmato con l’utilizzo di materiali a basso consumo di energia grigia, un’ analisi presente nell’applicazione del Protocollo CasaClima Nature del quale sono state evidenziate le peculiarità, visto anche il Patrocinio dell’Agenzia CasaClima di Bolzano.

A very low-cost refurbishment – Una ristrutturazione a bassissimo costo

When moving back to Sassari,  my home town, I thought I couldn’t go back to live with my parents. I also didn’t want to pay a rent, especially not having a regularly paid job! So I proposed to my parents a possible solution: moving back with them, but keeping our spaces separated, so to have a bit more privacy. They accepted, also because our house fortunately has a layout that makes easy this kind of division. My parents house, in fact, is on two floors and each floor can work independently or almost. I kept one room, the kitchen and one bathroom on the first floor and they kept the attic for themselves and a big room on first floor.  When they built the attic, almost twenty years ago, they basically stopped using the first floor, except for one room that my dad kept as a studio/laboratory for painting. So the first floor was as a matter of fact abandoned, dusty and full of useless things.

2012-09-22 08.53.57   2012-09-22 09.05.38

At first my idea was to tidy up, cleaning and throwing away old stuff. But when I started doing so, I realised the flat would need much more interventions to become liveable and comfortable again. You can’t imagine the quantity and type of things I found when started tidying up those two rooms, especially the kitchen! Old liquor bottles, cans, pots and pans…I kept all those things that could be cleaned and used again and threw away everything else. Reusing and recycling are really a great thing! In this way I didn’t have to spend a single cent on cutlery and pottery…and I have a lot of vintage stuff – originally 70s-, very useful and nice!

As I was saying, tidying wasn’t enough: walls had to be painted and windows were in quite a bad state.

For the walls we used only water-based colours. In the kitchen, I chose orange for the fireplace chimney and then decided to match it with a light purple. It looks like a completely new kitchen now! In the room, I chose lime colour for only one wall, the rest was left white as it was.

DSC_0006

DSC_0008 DSC_0046 DSC_0002

We decided not to replace the windows, first of all because it would have costed around € 2.000 and secondly because they are the original house windows from early 50s. We opted for the substitution of single glazing with double glazing. The work was done by a local artisan and it only costed around € 600. Windows also needed to be sanded and painted…and that was my dad’s job! We then put draught proofing.

We hired an electrician to substitute some plugs, add few more and place a satellite dish to allow me to watch TV. All that work costed around € 250.

We did most of the work by ourselves, little by little and in about one month and a half I was able to move into my “new flat”. The only expenses we had were to pay carpenter, electrician and to buy the paint for the walls and few more material, so with less than € 1.000 I have a fresh looking place to stay. There is more to do, but now that I’m settled I can relax a bit.

Quando sono tornata a Sassari, ho pensato che non sarei potuta tornare a vivere dai miei genitori. Allo stesso tempo, però, non volevo dover pagare un affitto, specialmente non avendo un lavoro con un salario regolare! Così ho proposto ai miei genitori una possibile soluzione: trasferirmi nuovamnete da loro, ma tenendo i nostri spazi separati,così da avere un po’ più di privacy. Hanno accettato, anche perchè fortunatamente casa nostra ben si presta ad una divisione di questo tipo . Infatti, la casa dei miei si sviluppa su due piani ed ogni piano funziona indipendentemente dall’altro…o quasi. Per me ho tenuto una stanza, la cucina e il bagno al primo piano e loro hanno tenuto la mansarda e una grande stanza al primo piano (che verrà liberata in seguito diventando il mio soggiorno).  Quando fecero costruire l’attico, ormai quasi vent’anni fa, praticamente smisero di abitare il primo piano, a parte la stanza che mio padre ha tenuto come suo studio/laboratorio per dipingere. Così il primo piano risultava praticamente abbandonato, polveroso e pieno di cose inutili.

All’inizio la mia idea era di riordinare, pulire e buttare via le cose vecchie. Ma quando ho cominciato, ho capito che l’appartamento avrebbe avuto bisogno di molti più interventi, per diventare di nuovo vivibile e confortevole. Non potete immaginare la quantità e il tipo di cose che ho trovato quando ho iniziato a sistemare quelle due stanze, specialmente in cucina! Vecchie bottiglie di liquori, scatole di latta, recipienti e padelle…Ho tenuto tutto quello che poteva essere pulito e usato di nuovo e ho gettato via il resto. Riuso e riciclo sono davvero una gran cosa! In questa maniera non ho speso niente per comprare posate e stoviglie… e mi sono ritrovata con tante cose vintage – originali degli anni ’70 – molto utili e belle!

Come ho detto prima, riordinare non era abbastanza: i muri dovevano essere ridipinti e le finestre erano abbastanza in cattivo stato.

Per i muri abbiamo usato solamente pitture a base di acqua. In cucina ho scelto un arancione vivace per la cappa del camino e poi ho deciso di abbinarvi un viola chiaro. Sembra una cucina completamente nuova! Nell’altra stanza ho scelto un verde acido solo per un muro, il resto è stato lasciato bianco così com’era.

Abbiamo deciso di non sostituire le finestre, prima di tutto perché sarebbe costato intorno ai 2000 euro e poi perché erano le finestre originarie della casa risalenti ai primi anni ’50.  Abbiamo optato per la sostituzione del vetro singolo con doppi vetri pur mantenendo la finestra originale. Il lavoro è stato fatto da un falegname del posto ed è costato solo intorno alle 600 euro.  Le finestre avevano anche bisogno di essere scartavetrate e ridipinte…e questo è stato un lavoro per mio babbo! A lavoro ultimato abbiamo aggiunto i para-spifferi.

Abbiamo chiamato un elettricista per sostituire alcune prese, aggiungerne delle altre e piazzare la parabola per poter guardare la TV. Il tutto è costato intorno alle 250 euro.

Abbiamo fatto la maggior parte del lavoro da noi, a poco a poco e in circa un mese e mezzo ho potuto trasferirmi nel mio “nuovo” appartamento. Le uniche spese che abbiamo dovuto affrontare sono state per pagare il falegname, l’elettricista e per comprare le vernici per i muri e poco altro materiale, così, con una spesa inferiore ai 1000 euro, ho un posto dall’aspetto rinnovato dove stare. C’è tanto ancora da fare, ma ora che mi sono sistemata posso fare le cose con un po’ più di relax.